Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA MORTE CO LA CODA

Giuseppe Gioacchino Belli

Cqua nun ze n’essce: o ssemo ggiacubbini,
O ccredemo a la lègge der Ziggnore.
Si cce credemo, o mminenti o ppaini,
La morte è un passo cche vve ggela er core.

Se curre a le commedie, a li festini,
Se va ppe l’ostarie, se fa l’amore,
Se trafica, s’impozzeno quadrini,
Se fa dd’oggn’erba un fasscio... eppoi se more!

E ddoppo? doppo viengheno li guai.
Doppo sc’è ll’antra vita, un antro monno,
Che ddura sempre e nnun finissce mai!

È un penziere quer mai, che tte squinterna!
Eppuro, o bbene o mmale, o a ggalla o a ffonno,
Sta cana eternità ddev’èsse eterna!

29 aprile 1846

Questa poesia è stata letta 434 volte