Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER PAPA BBON’ANIMA

Giuseppe Gioacchino Belli

Papa Grigorio è stato un po’ scontento;
Ma ppe vvisscere poi, ma ppe bbon core,
C’avessi in petto un cor da imperatore
Ce l’ha ffatto vedé ccor testamento.

Nu lo sentite, povero siggnore!,
Si cche ccojjoneria d’oro e dd’argento
Ha mmannato sopr’acqua e ssopr’a vvento
A li nipoti sui pe ffasse onore?

E ppoi doppo sc’è ppuro er contentino
De le poche mijjara c’ha llassato
Tra bbaiocchelle e rrobba a Gghitanino.

E er credenziere? e mmica sò ccarote:
Ventiseimila scudi ha gguadaggnato
Sortanto a vvetro de bbottijje vòte.

18 ottobre 1846

Questa poesia è stata letta 1010 volte