Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Che cce faressi? è un gusto mio, fratello:
Su li gusti, lo sai, nun ce se sputa.
Sto Papa che cc’è mmó rride, saluta,
È ggiovene, è a la mano, è bbono, è bbello...

Eppuro, er genio mio, si nun ze muta,
Sta ppiú pp’ er Papa morto, poverello!:
Nun fuss’antro pe avé mmess’ in castello,
Senza pietà, cquela gginía futtuta.

Poi, ve pare da Papa, a sto paese,
Er dà ccontro a pprelati e a ccardinali,
E l’usscí a ppiede e er risegà le spese?

Guarda la su’ cuscina e er rifettorio:
Sò ppropio un pianto.
Ah cqueli bbravi ssciali,
Quele bbelle maggnate de Grigorio!

21 ottobre 1846

Questa poesia è stata letta 410 volte