Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA SCECHEZZA DER PAPA

Giuseppe Gioacchino Belli

No, ssor Pio, pe smorzà le trubbolenze,
Questo cqui nun è er modo e la maggnera.
Voi, Padre Santo, nun m’ avete scera
Da fà er Papa sarvanno l’apparenze.

La sapeva Grigorio l’arte vera
De risponne da Papa a l’inzolenze:
Vònno pane? mannateje innurgenze:
Vònno posti? impiegateli in galera.

Fatela provibbí st’ usanza porca
De dimannà ggiustizzia, ch’ è un inzoggno:
Pe ffà ggiustizzia, ar piú, bbasta la forca.

Seguitando accusí, starete fresco.
Bbaffi, e ggnente pavura.
A un ber bisoggno
C’è ssempre l’arisorta der todesco.

2 gennaio 1847

Questa poesia è stata letta 312 volte