Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA BBONA VECCHIARELLA

Giuseppe Gioacchino Belli

Sò vvecchia, fijja: ho cquarche e cquarc’annuccio
Piú de tu’ nonna, sai, cocca mia bbella?
E jje lo dico sempre a mmi’ sorella:
«Presto presto m’attacchi lo scoruccio».

Eppuro va’! cquer benedetto Muccio
Jeri me fesce scantinà in cappella.
Eh, oggni tanto la fo una sfuriatella:
Ma ssò ffochi de pajja, e poi m’accuccio.

Io lo capisco, sò de sangue callo,
E ddo scannolo a ttutta la famijja,
Sibbè in ner core nun vorebbe dàllo.

E appena quer prim’ impito è ppassato
Darebbe er zangue mio (credeme, fijja)
Ch’ er mal’ esempio nu l’avessi dato.

20 gennaio 1847

Questa poesia è stata letta 374 volte