Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Dico, ebbè? le levamo ste lenzola?,
Ché cqui ggiú co sto sciónnolo che ppenne
Manco sce vedo a ffà lle mi’ faccenne,
E ppe ggionta sc’è ppoi l’acqua che scola. –

Ve pijji una saetta a ccamisciola
Nunchetinova morti nostri ammenne,
Diteme indove diavolo ho da stenne,
Quanno nun ciò cche sta finestra sola! –

Ôh, inzomma, o le levate, o vve l’acchiappo,
Sora galantaria da sepportura,
E ttanto tiro ggiú ffin che le strappo. –

Ma ppropio le strappate, eh sora vacca?
E io, si ccaso-mai, nun zò ffigura
Da strappavve li peli a la patacca?

25 gennaio 1847

Questa poesia è stata letta 470 volte