Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Sò vvecchio, ho la polagra, ho un’istruzzione,
Sto da tre ggiorn’ e ppiú gguasi a ddiggiuno,
Sò ddiventato che pparo ggnisuno,
Cammino che nnemmanco un lumacone...

Bbe’, ccurrenno a Rripetta è passat’uno,
M’ha ddato in ner passà ttanto d’urtone:
E ddoppo m’ha mmannat’ imprecazzione
E pparolacce che Iddio sarvi oggnuno!

Ma ddi’, cche te ne pare, padron Biascio?
Lui che volava via com’ un uscello
L’ho urtato io che ccamminavo adascio!

E st’ impostura s’ha da dí ssur zodo?
A un incirca saria com’ er martello
Che sse volessi lamentà ccor chiodo.

27 gennaio 1847

Questa poesia è stata letta 1135 volte