Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

................................

Giuseppe Gioacchino Belli

Sora Crestina mia, pe un caso raro
Io povero cristiano bbattezzato
Senz’avecce né ccorpa né ppeccato
M’è vvienuto un ciamorro da somaro.

Aringrazziat’iddio! l’ho ppropio a ccaro!
E mme lo godo tutto arinnicchiato
Su sto mi letto sporco e inciafrujjato
Come un zan Giobbe immezzo ar monnezzaro.

Che cce volemo fà? ggnente pavura.
Tant’è ttanto le sorte sò ddua sole:
Drento o ffora; o in figura o in zepportura.

E a cche sserveno poi tante parole?
Pascenza o rrabbia sin ch’er freddo dura:
Staremo in cianche quanno scotta er zole.

21 febbraio 1849

Questa poesia è stata letta 582 volte