Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Ma queste so' maniere da burino!
Si, sì, va bè', tu porteme in questura,
ma lasseme la giacca... E ch'ai paura?
Te credi d'arestà quarch'assassino?

E che te spigni? l'anima? Cammino
come me pare! mica c'è premura!
Se voi che t'arispetti la montura
tu fa' la guardia, ch'io fo er cittadino!

E doppo dice ch'uno s'aribbella!
Vojo che me ce porti co' le bone!
Dunque cammina e mosca! Oh quest'è bella!

E abbada a te, mannaggia l'animaccia...
ché si me fo pijà le convursione,
t'abbotto er grugno de cazzotti in faccia!



Questa poesia è stata letta 1036 volte