Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Meo Patacca - Canto 4°

Giuseppe Berneri

ARGOMENTO



Sgherri MEO pe' la guerra ricapezza,
Poi va pe' dire a Nuccia, che conclusa
È la partenza, e questa lo disprezza,
Lo sbravicchia, lo caccia, e reo l'accusa.
Da Calfurnia uno sgherro s'accarezza,
Perchè sfidi PATACCA. Ex non ricusa:
Si fa il duello, e MEO la grolia ottiene,
E in sentirlo applaudì, la ciospa sviene.



Dalla Signora Madre, ch'è l'Aurora,
Succhiato il chiaro latte, il Dì bambino,
Da cunnola di luce uscito fora,
Prima a vista d'ogn'un cresce' un tantino,
Poi fatto grannicello, in men d'un'hora
Incominzò pell'aria a fa' camino;
Ma cresciuto un pò più, da bon zitello,
A spasso va col Sol, ch'è su' fratello.

Trotta fratanto in prescia, e 'l selcio batte
Calfurnia con un passo trito trito,
E glie pare d'havè gran prove fatte
Pel tradimento, c'ha sì bene ordito:
Se MEO con Marco Pepe va a combatte,
Spera vederlo subbito sbiascito,
Ma pe' trovà costui, vada pur vada,
Ch'un pezzo ancora c'è da fà de strada.

A MEO PATACCA intanto io mi rivolto,
Lo vedo più del solito scialante
Co' sfarzo granne si, ma disinvolto
Resce da casa, allegro in tel ghignante.
Dalli lacci d'amor già che s'è sciolto,
Vuò annasse a licenzia da Nuccia amante,
Ma però, cosa più ben fatta stima,
Li ducento compagni abbusca' prima.

Trovasseli da sè s'era impegnato,
Co' i dieci sgherri, ch'in principio ho detto,
E già nel su' ciarvello ha disegnato
Dove ha d'annà a trova gente de petto.
A più d'un loco topico ha penzato,
Pe' far havere a i su' disegni effetto;
Va presto in giro, e gnente si trattiè,
Lassa insinenta di piglia il cafè.

Scurre mò qua, mò là, sempre ha ripieghi
Per incontrà costoro, e gli riesce,
Con chi addropa i comanni, e con chi i preghi,
In chi mette coraggio, in chi l'accresce.
Pe' fa' ch'alle su' voglie ogn'un si pieghi,
El parlà, l'essortà non gli rincresce,
E tanto fa, che con le su' parole
Ricapezza più sgherri che non vuole.

Haveva ditto haveva a tutti quanti
Già pe' prima el disegno, che lui fava,
De trova giusto cinquecento fanti,
Ma tutti romaneschi, e gente brava,
Poi d'annassene insieme sverzellanti
Là dove el gran Vissir piantato stava,
Pe' buscà Vienna, e far così ogni sforzo,
Pe' dar a quella almen calche soccorzo.

Volze in prima, eh'ogn'un gl'impromettesse
D'annà con lui nel Campo, e poi gli disse,
Perchè di tutti el nome si scrivesse,
Ch'a ritrovallo a casa ogn'un venisse,
Che questo poco dopo si facesse.
Perchè la stanza poi non si rempisse,
Dove manco pe' trenta c'era loco,
Ch'annassero spartiti a poco a poco.

Non ci fu allora un, che facesse fiato
In contradine a quel, che MEO richiese;
Si mostra ogn'un di loro incrapicciato
D'annà in battaglia a fà tamante imprese.
Parte MEO, più d'un utre allor gonfiato,
E a fagli inchino assai profonno attese
La gente sgherra, che gli è intorno spasa.
Lui glie dice: «Bon dì: v'aspetto a casa».

Spicciatosi di già de 'sta faccenna.
Penza sbrigarsi di quell'altra ancora,
D'annar da Nuccia, a dir che non pretenna
D'intrattenello, che non vada fora.
Che mò alli fatti sui di grazia attenna,
E lo lassi partì senza dimora,
Che quanno tornerà poi dal su' viaggio,
Discurre si potrà del maritaggio.

Non vuò, ch'attorno più se gli strofini
Nuccia, se nel suo amor più non s'invischia,
Nè che più co' i su' fiotti l'ammuini.
Arriva intanto alla su' casa e fischia,
Pe' non mette in suspetto li vicini
Di bussaglie a la porta non s'arrischia;
Lei sente, fa la sorda, e da martello,
E lui torna a fischia più forticello.

Prima Nuccia così stette un bel pezzo,
S'affaccia poi nel ceffo dispettosa;
S'intoscia, e con cert'atti de disprezzo
Finge de sta' a vedéne ogn'altra cosa.
Col cenno e con la man fa più d'un vezzo
PATACCA allor, lo guarda lei sdegnosa,
E come che da lui noia riceva,
Dalla finestra subbito si leva.

Quì si, ch'è MEO stordito, e non capisce,
Perchè adesso costei gnente l'accoglia,
E gli scotta il vedè che lo schernisce,
Nè sa ancor, se lui resti o se la coglia.
Vorria fischià di novo, e non ardisce;
Di saperla poi netta ha 'na gran voglia;
Il ribussà stima che l'habbia a male,
La sente alfin, che scegne pe' le scale.

S'ammannisce de fa' la bocca a riso,
Pe' non pare d'esserse gnente ombrato.
C'era un entrone da un cancel diviso,
De razzo ce fu lui drento imbucato.
Rapre Nuccia un tantino, e mezzo viso
Fa vedè solo, e MEO nel modo usato
La saluta, e poi spigne il cancelletto,
Lei de posta gli da 'na botta in petto.

«Olà! Ch'ardir è il tuo? Che si pretende
Da casa mia? Guidone! Impertinente!»
Nuccia forte gridò: «Così s'offende
Una mia pari? Via! fora insolente!»
MEO però, che la causa non intende
De 'ste chiassate, ancor non si risente;
Ma dice sol: «Perchè così me fai?
Se po' sapè se po' se con chi l'hai?».

«L'ho con te, - dice Nuccia, - e con raggione,
Con te, che mi lusinghi in dir che m'ami,
E linguacciuto poi, con le perzone
Screditando mi vai con modi infami:
Se m'odj e mi disprezzi o mascalzone,
Perchè co' 'sti tui fischi a te mi chiami?
Abbada a i fatti tui, che ti conviene,
E più non m'intronà, se vuoi far bene».

«In che dà 'sto parla? Che so 'sti fiotti?
Tirà de brusco, e batter vuoi marina? -
PATACCA rispondè, - mò si m'abbotti
Con fa' 'sto chiasso, e fa' 'sta gran ruina.
Te lassi inzampognà dalli strambotti
Di calche amica, o calche tu' vicina,
Che ce se piglia gusto, se non sbaglio,
A fatte tarroccàne, e magnà l'aglio».

«Di te, solo di te doler mi devo, -
Tornò a dir lei con rabbia, e con dispetto,
- E dell'ingiurie, che da te ricevo:
Che ben io so, quel che di Nuccia hai detto.
Io ti credevo, pazza, ti credevo
Un amante fidele, un homo schietto,
Ma già appresso di me, tu sei convinto,
Un malalingua, un traditore, un finto.

Tu non m'inganni no, che la so tutta,
Come inteso havess'io con quest'orecchia;
'Sta grazianata tua poco ti frutta,
Se invano a trappolarmi s'apparecchia.
Che pretendi da me, già che son brutta?
E perchè mi corteggi, s'io son vecchia?
E va in mal'hora!». E qui da sè lo scaccia,
Spigne la porta, e glie la serra in faccia.

Allor si che PATACCA si scatena,
E fa di quelle che non fece mai,
Dà spintoni alla porta, e calci mena,
E strilla forte: «E che creanze fai?
Me trovi a fè, me trovi oggi de vena,
De fatte vede un pò, se con chi l'hai!
Non so che te ciangotti? E credo solo
C'habbi data già volta al cirignolo.

Se viè a discurre senza fa' sgherrate,
E usa 'sto brutto modo de procede;
Altro ce vuò, che 'ste tu' smargiassate,
Con chi di dir la su' ragion te chiede.
Non voglio fa' non voglio baronate,
Che belle cose te vorria fa' vede;
Pochi ne troverai de pari miei,
Che t'ho riguardo perchè donna sei».

S'accorge alfin, che solo col cancello
Lui parla e sprega le parole al vento:
«No, che non voglio perdermi el cervello» -
Dice tra sé, - «cos'è 'sto mi' lamento?
Vada puro costei, vada in bordello,
Per me assai meglio è 'sto su' stizzamento.
Quanno sarà della partenza el giorno,
Non haverò, chi più mi fiotti attorno».

Poi senz'altro penzà, pe' la più corta
Inverso casa sua batte el taccone,
E quanno a vede incominzò la porta
Allampa a quella accosto più perzone:
Assai più questo, che colei gl'importa,
Perchè gli viè in penziero el su' squadrone,
E in quel, che lui s'immagina non erra,
Ch'appunto è gente, che vuò annà alla guerra.

Appena MEO PATACCA s'avvicina,
C'han tutti gusto della su' presenza,
Col fongo in mano, e con la testa china
L'incontrano, gli fanno riverenza.
Lui tanto quanto, a ogn'un di lor s'inchina,
E gli fa calche poco d'accoglienza.
Rapre, e poi dice: «Orsù sopra si vada,
Ch'innanzi io vò, solo pe' fa' la strada».

Sagliono l'altri, e così in piede in piede
Fa di tutti PATACCA la rivista,
E havendone gran pratica, già vede,
Che tutti sgherri son da mette in lista.
Perchè ha da scrive assai, se mette a sede,
Et incominza a fa' la su' provista.
Li nota uno per uno, e a mano a mano,
Gli dice chi sarà 'l su' capitano.

S'era co' i dieci sgherri già impegnato,
Quanno in Campo Vaccino li ha condutti,
Di dar a ogn'uno el su' capitaniato,
E mantiè adesso la parola a tutti.
(A questi soli il posto sarà dato,
E l'altri restaranno a denti asciutti).
Lui seguita a notà chi prima arriva,
E per ordine vuò ch'ogn'un si scriva.

Tanto di quelli trenta di costoro,
Quanto de i su' ducento, e sale e scenne
Più d'un per volta, e pur nisciun di loro
Nell'incontrarzi strepita e contenne.
PATACCA tutto intento al su' lavoro
Arrolla sgherri a furia, e 'ste facenne
Le stima un spasso granne, e volentiere
Pe' falle ce staria giornate intiere.

In tel partì, che da PATACCA fanno,
Questo gli dice, che far lì ritorno
Più non accurre no, ma che annaranno
Tutti in Campo Vaccino nel tal giorno;
Che qui la mostra general faranno,
Dove procuri ogn'un d'annacce adorno,
E che poi meglio sentirà domane,
Dal capitanio suo quel c'ha da fane.

Hor mentre MEO sta tutto affaccennato,
In te la stanza a scrivere chi viene,
E pe' fornire, quel c'ha incominzato,
Non si riposa, e ci travaglia bene,
Calfurnia in te la strada ha già abbordato
Marco Pepe, e con lui ce se trattiene;
Lo prega, lo riprega, e non si stracca,
E attizzanno lo va contro PATACCA.

Vuò, ch'a custion lo sfidi, e glie la soni
Co' rifibbiagli una stoccata in petto,
E che lo faccia, e non glie la perdoni
Pe' vendetta di quel, ch'a Nuccia ha detto,
Gli appetta che con modi mascalzoni
Ardì de faglie un così gran dispetto,
Che in tel penzacce quella se n'accora,
Con dirglie vecchia e brutta, e peggio ancora.

Poi te gli fa vedè la ciospa indegna
Già Nuccia tutta sua, se fa pulito,
D'accoppaglie Patacca, e a dir s'impegna
Che sarà dell'istessa il favorito.
S'accorgerà, che lei più non lo sdegna,
Anzi, pe' fa' vedèe che gli è gradito,
Lei gli farà sentir, se passa mai
Da casa sua, che lo ringrazia assai.

Mentre costei con chiacchiare e monine
L'amico sgherro inzampognà procura,
Sta questo irresoluto, perchè al fine,
La vittoria non è per lui sicura.
In servir Nuccia, è ver, c'ha qualche fine,
E che però mostrà vorria bravura,
Ma poi penza a Patacca, e assai lo stima,
In tel sapè, che sa tirà de scrima.

Stando su 'sto penzier, tonto rimane,
Non sa che far, non si risolve intanto,
Fa giusto come quanno vede un cane
Il tozzo in terra, et il bastone accanto;
Ha voglia d'addentallo, e non lo fane
Perchè le botte non vorria fra tanto;
Si stenne, si trattiè, non s'assicura,
Contrastano la fame, e la paura.

Così fa Marco Pepe; Amor l'invita,
A far con MEO da bravo, e disfidano,
Ma quel mettere a risico la vita,
Gli fa venì el penziero di non fallo:
«Eccola - dice poi - bella e fornita,
'Sto ferro, al par d'ogn'un so maneggiallo,
E se a spadaccinà tra noi si viene,
Gli darò a fè da pettinà assai bene».

Ma prima de fa' sciarra, e venì al quia
Lo vuò sapè lo vuò se veramente
'Sta disfida penzier di Nuccia sia,
O se la griscia l'ha impicciata gnente.
Alla fin poi dice a Calfurnia: «Oh via!
La voglio fa' la voglio da valente:
Ciamerò Meo nel campo, ma con questo,
Ch'io me pozza servì d'altro pretesto.

Se lo vò a disfida perchè ha sparlato
Di Nuccia, e dice lui che non è vero,
E incoccia, in tel negà quello ch'è stato,
Resto in asso, e va a monte el mi' penziero;
Però un riggiro ho già riccapezzato,
Che se vuò fa' da giovane guerriero,
Come si vanta, co' 'sti su' sgherretti,
Bignerà certo, ch'il duello accetti».

«Voi, signor Pepe, a fè' dite benissimo,
Penzar male, assai ben, credo, che sia»,
Gli risponne Calfurnia. «Et è verissimo,
Che MEO, quel che dice, negar potria.
Certo, che s'a 'sto risico venissimo,
La sfida a spasso subbito andaria.
Orsù, non vi bisogna el mio conseglio:
Fate pur quello, che vi pare meglio».

Così d'accordo tutti due rimasero,
E poi subitamente si divisero;
Presto presto vede' si persuasero
Steso giù freddo di vedè quel misero.
A più potè le cirimonie spasero,
E in tel partire tra di lor sorrisero;
Li saluti a vicenna allor si resero,
Et un gran che, già fatto haver, si cresero.

Intanto Marco Pepe assai galoppa,
E se in tel viaggio in chalche amico incappa,
Pe' non s'intrattenè volta la groppa,
Dall'incontro di lui subbito scappa;
Vuò annà a sapè, s'allor che Meo s'accoppa,
Ci ha gusto Nuccia, o se la vecchia sfrappa,
E se 'sta verità da lei non scippa
A PATACCA sbuscià non vuò la trippa.

Alla casa arrivato, ecco la vede
Butta dalla finestra la monnezza,
Allor per accostarzi apprescia el piede,
E la fa' da par suo 'sta bona pezza.
Raschia un tantino, fin che lei s'avvede
Ch'è lui questo, che passa e con destrezza
Guardanno in su, ma senza salutarla,
Sotto voce, in passà, così glie parla.

«Schiavo suo, gnora Nuccia! Se volete
Vi servo adesso adesso, e di bon core
In quel negozio, che voi già sapete».
Lei dice: «Sarà questo un gran favore».
(Co' 'ste poche parole, e assai segrete
Fornì la cosa senza fa' rumore),
Lei si levò, lui seguitò el camino,
E non se n'accorgè nisciun vicino.

Allor si, che fa cor da Lionfante
Marco Pepe, ch'in fatti si ciarisce.
Che Nuccia già scortese, hora è galante,
Mentre dice che lui la favorisce:
Va Patacca a trovà tutto brillante
Et a fagli la sfida s'ammannisce.
Se di sbusciallo gli riesce a caso,
Chi la punta toccà gli vuò del naso?.

Con camminata poi da squarcioncello,
Va penzanno tra sè le smargiassate,
Che intenne fa', quanno sarà in duello:
Prova col braccio di tirà stoccate.
Chi l'osserva, lo crede un mattarello,
E ne fa solennissime risate.
Allor lui se n'astiè, ma quanno stima
Non esser visto, peggio fa di prima.

Co' 'ste su' sciornarie, bel bello arriva
Alla casa di MEO, di dove ancora,
Di tanto in tanto calche sgherro usciva,
E d'annarsene su non vede l'hora.
Sale, saluta Meo, perchè lo scriva
Solo fa istanza, e gnente più l'onora.
Lui dice: «Adesso, adesso», e perchè tarda,
Pepe s'imposta, e burboro lo guarda.

Doppo che Meo Patacca ogn'un ha scritto
Di quei, che prima vennero, si volta,
Verso costui; ma perchè sa ch'è un guitto.
Mal volentiere le sue istanze ascolta;
Si ricorda assai ben, ch'in un conflitto,
Che si fece in Trastevere una volta,
Pe' fa' da bravo, innanzi a ogn'un si caccia,
Fu poi tra tutti il primo a voltà faccia.

Perchè non habbia da resà affrontato,
Se be' gusto non ci ha, puro l'accetta.
Vuò sapè, chi dei dieci l'ha impegnato,
Perchè sotto al commanno glie lo metta,
Lui gli dice: «Fanello m'ha pregato,
Ch'io de fa' scialo in guerra gl'imprometta».
Rispose allora MEO: «Te scrivo adesso
In te la squatra del Fanello istesso».

Qui Marco Pepe: «Piano patron mio,
De grazia co' 'sto scrivere, bel bello:
Intennemoci prima, non venn'io
Mica pe' guerreggià sotto a Fanello!
Chalche malanno a fè', che glie l'avvio
A chi me vuò tratta da soldatello:
Credevo, ma 'l contrario me succede,
Che ce fusse altro modo de procede».

Ecco il pretesto, che penzò costui
De mette in campo, pe' sfida Patacca;
Stupido questo ali or si volta a lui,
E l'occhiate da dosso non gli stacca.
Seguita Marco Pepe: «Io gonzo fui,
A veni' a corteggià gente vigliacca.
Stanno a vede, la testa io ce deposito,
Ch'oggi me bigna fa' calche sproposito».

Tanta stizza non ha, nè si' feroce
El toro, che scappò, muggir si sente
Quanno un mastin fa di lui strazio atroce,
Ch'in tell'orecchio ha conficcato el dente,
Quanto s'arrabbia MEO, ch'alza la voce,
Nè alle mosse può sta' coll'inzolente,
Che se fa' tanta puzza e sverniarìa,
Gli sa el capo lavà senza liscìa.

«Cos'è 'sto sbravicchià? Che se pretenne?
Se parla chiaro, e non si vie' co' rascia;
C'è qui chi la pariglia te po' renne,
Però invano da te tanto se sbrascia.
Di' puro il fatto tuo, c'è chi t'intenne,
Che mica hai da tratta con gente pascia».
Chi te la gratterà, dillo bisogna,
Tu trovarai, se vai cercanno rogna».

«Me la gratti chi pò! Chè non ce prova
Calch'uno con nostrisci? », sbravicchianno
Esclamò l'altro. «A fè', che me ce trova,
Chi me va gnente gnente stuzzicanno.
Io sott'altri nel campo? O ve' che nova!
Io voglio in guerra, e l'haverò il commanno,
E tu stesso sarai, te lo dich'io,
Prima d'ogn'altro, soldatello mio».

«Puff! Una palla!», co' 'sta smorfia in faccia
MEO gli risponne, in tel sentirne tante:
«Vai proprio vai de i tu' malanni a caccia,
Nel volerti mostra così rugante!
O che bel suggettin de carta straccia,
Che vuò fa' sopra l'altri el commannante!
Eh vatte a inzala, che co' 'ste pastocchie
Capitanio sarai delle ranocchie».

Marco Pepe, che va, come suol dirzi,
Col moccolo cercanno de fa' chiasso,
Pe' dimostrà c'ha petto a risentirzi,
Una risposta dette da smargiasso:
«Ch'a te s'habbia 'sto fusto a preferirzi
Come nega me vuoi? se manco un passo
Desti mai for di Roma, e ben sai tu,
Ch'io so' stato alla guerra un anno e più».

«Fa pur conto, ch'un tasto m'hai toccato,
Da potè ben sonattela assai presto»,
Disse MEO. «Già me l'ero imaginato,
Ma il solo modo di ciaritte è questo:
In guerra, è vero si, che ce sei stato,
Ma non te vergognà de dire il resto,
Tu, ch'adesso ti spacci un Paladino,
Ch'in guerra solo hai fatto el tamburrino».

«Oh, sfògate così, dì quel che vuoi»,
L'altro rispose. «Men di me, ne sai:
Io almen, so cos'è guerra, ma non pòi
Tu dir così, se non l'hai vista mai.
Hor non ci vònno chiacchiare. Su, a noi'!
A duello io te sfido, e vederai,
Se te viè fatta, o te riesce buscia,
Se il tamburrino poi le panze sbuscia.

S'addropà vuoi la fionna, o la saracca
Fa' puro a modo tuo, capa te tocca».
Prima lo guarda tutto, e poi PATACCA
Te gli fa 'na risata a piena bocca.
«L'invito accetto, - disse, - e chi si smacca
Sarà su' danno, ch'a 'sta gente sciocca,
Allor, ch'allo sproposito si picca,
Fà quel che fatto và, chi glie la ficca.

S'incominzi el duello co' la fionna,
Si faccia poi si faccia lama fora;
Alla prima baruffa, o alla seconna,
S'ha da vedè, se chi ce resta allora.
Se c'è difficoltà, me si risponna,
Che tempo io non te dò, se non d'un'hora.
Non ce voglio Secondo, nè Patrino,
E il campo, appunto, sia Campo Vaccino».

«Io ci acconsento, - subbito rispose
Marco Pepe, - e tra un'hora, là me pianto.
Verrò solo a combatte, ma du' cose
Bigna tra noi bigna accordà fratanto:
La prima, che perzone numerose
Stieno a vedè, pe' dà a chi vince el vanto;
L'altra, che s'habbia a sbaraglià la vita,
E che la nostra sia guerra finita».

«Propio m'inviti a nozze! Altro non voglio,
Che fatte vede, chi di noi si sbaglia»,
Dice PATACCA. «'Sto tu' gran orgoglio
Sfumerà, come fa' foco de paglia.
Rescirai presto rescirai d'imbroglio,
Ma senti, non portà giacco, nè maglia,
Ch'il valor solo ha da servì de scudo;
Però vedè si faccia el petto ignudo»,

«Forzi te credi, ch'un cialtrone io sia
Da tene el pettorale foderato»,
Lui disse. «Io non farò 'sta guittaria,
Che me picco de giovane onorato:
Ma tempo è già de sbattesela via,
Viettene puro, dove s'è appuntato,
E ch'io te dica, non te para strano,
Che venghi a fa' sbusciatte el cordovano».

Così pien d'albascìa pigliò lo spiccio
Colui, che pare Orlando alle parole;
Ma in realtà d'havè calche stropiccio,
Ha paccheta assai granne, e se ne dole.
Ma in un certo riggiro, in cert'impiccio
Si fida sol, che pratica lui sole,
Quanno vede il nemico, ch'è assai forte,
Quanto gli basta de scampà la morte.

Per questo MEO, che sà quanto lui pesca,
E che nel fa da spadaccino è un frasca,
E che ingiaccato sia non gli ricasca.
Però gli disse, ch'a duellà non s'esca,
S'a ogn'uno el petto nudo non s'ammasca.
Vuò, che così la lite si fornisca,
E chi meno ne sa, quello sbiascisca.

Taffia un boccone alla disdossa, e in fretta,
Perchè di già l'hora del pranzo è andata,
Et è un gran pezzo ancor, se danno retta
A tanti, consumò mezza giornata.
Ma tempo è già, ch'in ordine si metta,
Mentre de fa' gli bigna 'sta sgherrata;
Ma qual'il modo sia del su' vestire,
Quanno il campo sarà, lo serbo a dire.

S'avvia fratanto, e va penzanno MEO,
E quanto penza più, più gli dispiace,
Ch'un tozzola tamburri, uno sciotèo
Sia de fa 'sto proposito capace.
Che con valor gigante, un cor pigmèo
Se la voglia piglià, non si dà pace;
Ma si consola, e più non si querela,
Perchè vedè glie la farà in cannela.

Arriva al campo, e fa' 'na spasseggiata,
Da capo a piedi, e tutto si rincora,
Mentre, ch'intorno da più d'un'occhiata,
Ch'il su' nemico, non si vede ancora.
Già gli pare d'havegliela sonata,
In tel venì prima che passi un'hora;
Va da due bottegari, e li richiede,
Che dell'arrivo suo faccino fede.

Ma gnente poi servì 'sta diligenza,
Perchè non bisognò testimonianza,
Se poco doppo, quanno men ci penza,
Vede già Marco Pepe in vicinanza.
Se mena de birbanti una seguenza
Marcianno el primo lui con gran baldanza,
E capitale fa il dritton di questi,
Acciò a un bisogno stiano pronti e lesti.

Ecco superbi li due sgherri a fronte,
E l'uno all'altro con gran brio s'accosta;
Marco Pepe, che fa da Spaccamonte,
«Olà, - dice, - nostrisci è quì a tua posta».
«A sodisfatte io già le voglie ho pronte».
MEO gli risponne, e ogn'un di lor si scosta.
Vengono, pe' menà presto le mani,
Giusto un tiro di fionna a star lontani.

Subbito le perzone si slargorno,
Che già con Marco Pepe eran venute,
E quelle ancor, ch'a caso capitorno
Da curiosità quì trattenute.
Fecer l'istesso quelle, ch'arrivorno,
Che da MEO queste cose havean sapute,
El campo largo e libero si lassa,
E in tel mezzo nisciun proprio ce passa.

Ogn'un delli due sgherri el posto ha preso,
Fatta de rocci in berta un'adunata,
Sul braccio manco el pietro è in giù disteso,
Che poi fa alla perzona una parata:
Impaziente già 'l popolo s'è reso,
Di vede questa gran sassaiolata;
Ciasch'uno poi di lor, conforme è il patto,
Alla su' fionna dà de piccio a un tratto.

La fionna è un braccio e più di cordicella
Di canapa assai forte e fatta a treccia,
Ne i due capi è sottil, ma grossicella
Inverzo el mezzo, e sempre più s'intreccia;
Qui come rete c'è una ferratella
In dove ce se mette o sasso o breccia;
Ma qual poi sia, più granne è della maglia,
Nè resce, se no, allor quanno se scaglia.

E l'una e l'altra punta accompagnata
Stringon le dete della dritta mano,
Ma poi drento la fionna ripiegata
La manca il sasso tiè dal sen lontano;
A quella si da allora una stirata,
Si piglia poi la mira, e non invano,
Perchè 'sti nostri sgherri, così bene,
Ci azzeccano, che fanno stravedene.

Tutto fecer costoro, e al primo tiro
Ogn'un tiè la su' fionna apparecciata;
Cominza Marco Pepe, e più d'un giro
A quella dà, sopra el cotogno alzata.
Lassa un dei pezzi, e in meno d'un rispiro
Vie la breccia con impeto scagliata:
PATACCA non si scanza, e non s'abbassa,
Perchè assai da lontan quella gli passa.

Ma poi dà al fongo una calcata in testa,
Due passi innanzi rivoltato in costa,
Vuò trova modo de spiccia 'sta festa.
Fa prima una sbracciata, e poi s'imposta,
Piglia la mira dritta dritta, e in questa
Non falla mai se nol facesse a posta;
Ma perchè fa da vero, a fè' non sbaglia,
Giusto in dove ha mirato, el selcio scaglia.

Frulla e fischia per aria, e azzeccaria
Di Marco Pepe appunto in tel mostaccio,
Se lì propio Patacca glie l'avvia,
Ma si para col pietro, alzanno el braccio.
Pur lo scotola a segno, che darìa
In terra un solennissimo crepaccio,
Se non si fusse a caso ritrovato
Co' i piedi in sul terren forte piantato.

S'infuria allor costui, perchè mostrarzi
Vorria propio una bestia inferocita;
Si sbraccia in fionnolà, per vendicarzi
Di quella botta c'ha lui ben sentita,
Ma perchè i colpi, o arrivano assai scarzi,
O perchè MEO sa fa' scanzi di vita,
Non serve no, ch'in tel fa' sciarra incocci,
Che sempre a voto han da cascà i su' rocci.

Mò se scioglie Patacca, e un capo sotto
Fa con impeto granne, e non sta queto.
Dice de i sgherri al solito, quel motto:
«Arreto là, Dì Serenella, arreto!».
Poi piglia inverzo el su' nemico un trotto,
Pare il diavolo giusto in tun canneto,
Spara saioccolate a più potène,
E l'avversario tozzola assai bene.

Va costui pe' le fratte, e spaurito
Batte la ritirata, e MEO s'acclama,
Che fà vedà, s'è giovane agguerrito,
Se corrisponne all'opere la fama.
Ridotto è Marco Pepe a mal partito,
Ma pe' ripiego sfoderò la lama;
Potrìa MEO rifibbiagli un roccio in petto,
O in testa, e non lo fa' per un rispetto.

Non vuò parè d'usà superchieria
Con chi lassa de sta' su la difesa,
Mentre (la fionna già buttata via)
Di quella in scammia, la saracca ha presa.
Fa l'istesso ancor MEO: con presciaria
El pietro in terra posa, e a fa' st'impresa
Tanto è 'l gusto, che ci ha, che par si gonfi
Nella grolia, ch'havrà de i su' trionfi.

Eccolo già allestito, et in farzetto,
Dereto annoda a li capelli un laccio;
Calcato è il fongo a mezza fronte, e stretto
Attillato è il gippon, libero il braccio.
Ha un par di calzoncini di droghetto,
E perchè nel tira non diano impaccio,
Assai succinti sono, e giù serrati,
Sul ginocchio da fianco abbottonati.

Ha un paro di fangose, e bianche e piane
Senza calcagno a foggia di lacchène;
Sciala pur Marco Pepe, ma non fàne
La su' compariscenza così bene.
Allor le genti allor a caravane
S'accostano, e nisciuno s'intrattiene,
È pe' meglio vedè 'sta gran custione
Fanno un circolo folto 'ste perzone.

PATACCA pe' mostra, ch'è duellista,
Pratico delle cose della guerra,
Fa delle due saracche la rivista,
E le misura con la punta in terra.
S'accorge allor, c'ha quella razza trista
Di Marco Pepe, longa più la sferra,
Ma MEO, fidato in te la su' bravura,
D'havè questo svantaggio non si cura.

Guarda, se il Sole po' la vista offennere,
Pe' spartirzelo poi con uguaglianza:
Come se pozza de 'ste cose intennere
Un homo vil, non para stravaganza.
L'ha inteso dir, ch'il Sole col risplennere
abbaglia el vede, e che però si scanza,
O si divide in modo, in tel cimento,
Che sia tanto per un l'impedimento.

Ma c'è de bono, che non c'è st'impiccio,
Nè accurre proprio a fa' 'sta spartitura,
Mentre, per esse 'l tempo nuvoliccio,
Non c'è bisogno de 'st'architettura;
Perchè alla fine MEO, vuò dar lo spiccio
A 'sta facenna, messo in positura,
Si sbottona el gippone, e sfarzosetto
Nudo fa vede a Marco Pepe el petto.

Immantinente allor si slaccia anch'esso,
E mostra l'apertura, e un vestitello
Stretto alla vita, puro lui s'è messo,
Che bono sia da potè fa' duello.
Poi si piantano in guardia a un tempo stesso
Con un ceffo superbo, e questo e quello,
Ma sta MEO con tal brio, con tal lindura,
Che pare giusto pare una pittura.

Largo è il passo a dovere, et è incurvato
El ginoccio mancino, il dritto è teso,
Un tantino però solo è piegato,
Per esser assai pronto a un passo steso.
La vita sta in profilo, et è guardato
El petto, ch'è cuperto, e ben difeso
Dal braccio dritto, che si slunga, e il ferro
Tiè dritto al petto del nemico sgherro.

Questo pure sta in guardia, e va naspanno,
S'hora stenne la mano, hor la ritira;
Par, che vada, un gran colpo disegnanno,
E che voglia piglià giusta la mira.
Gnente MEO si scompone, e stà osservanno,
Se Marco Pepe il primo colpo tira.
Se tanto ardisce con la su' perzona,
Glie la sona pel verzo glie la sona.

Ma prima di tirà, quel farinello Di
guadagnarsi il debbole cercava
Della sferra di MEO; però bel bello
La va attastanno, e quello sfugge e cava.
Torna di nuovo a fa' 'sto giocarello,
E MEO da sgherro pratico, ricava.
Hor di fora, hor di drento ci riprova,
E le cavate allor l'altro rinova.

PATACCA s'intrattiè de fa' sconfitta;
Gli scappa alfin gli scappa la pacenza,
Tira de furia una stoccata dritta,
Che l'havaria sfonnato de potenza.
Ma giusto, come fa la gente guitta
Fece colui, perchè non ha sperienza:
Pe' conto de parà, non c'è sustanza,
Ma con un zompo arreto, il colpo scanza.

L'altro lo va incalzanno, e più l'investe,
E lui più si ritira, e non resiste.
Quello stoccate avvia gagliarde e preste,
Si vede questo annà già pe' le piste.
Allor, (cosa, che mai non credereste),
Perchè già le su' coccole ha previste,
Perchè resta non ci vorria sbusciato,
Un ripiego pigliò da disperato.

Pe' vedè s'un bel colpo gli viè fatto,
Mentre cognosce, ch'è a fuggir costretto,
La sferra addrizza, e poi si mette in atto
De tira di PATACCA inverzo el petto.
Ma una fintiva fu, ch'un brutto tratto
Penzò di fa', come seguì in effetto.
Acciò pe' dritto a trapassarlo vada,
Tutta verzo di lui lanciò la spada.

Col forte de la sua MEO si ripara,
E quella, ch'è scagliata in fora schizza,
Ma però allora a inbestialirzi impara,
E pe' la rabbia el naso glie s'arrizza.
In vedè, che nel colpo ha fatto zara,
Pepe inverzo la gente il corzo addrizza,
E MEO, benchè habbia in man le du' saracche,
Lo seguita, e gli va quasi alle tacche.

Quello in sentirzi il calpestìo vicino
Di MEO, che pare scatenato un orzo,
La su' vita darìa per un quatrino,
E allora a più potè raddoppia il corzo.
Spera però, perch'è ghinaldo fino,
Solo dalle sue astuzie havè soccorzo:
Un selcio in sacca havea, fora lo caccia,
Si volta, e tira a MEO verso la faccia.

Lesto abbassa suisci el cocuzzolo,
El sasso ritto passa, e non l'offenne.
Allor sì, che s'infoia, e curre a volo
E se l'arriva, certo giù lo stenne!
Ma con gran forza el birbantesco stuolo
Che guidò Marco Pepe l'intrattenne,
E fece ben, che se così non fava,
Restava freddo quel ciafèo restava.

Fermatosi allor MEO, s'è di già accorto,
Che pigliarzi non deve più cicoria.
E che in tel fà più smargiassate ha torto,
Se del nemico havè già la vittoria.
Ciò assai lo placa, e gli dà gran conforto
Il sentirzi lodane, e de 'sta boria
Se ne fa 'na panzata, e più ce sciala,
Più che ogn'un gli dà prausi con la pala.

Al su' nemico el pietro fece rennere,
Che havea lassato, e addosso il suo se messe,
E da uno sgherro poi gli fece intennere,
Che d'haverla finita non credesse;
Che dell'ardire havuto, in tel pretennere
Che con lui, ch'è un tavano, si battesse,
Un MEO PATACCA, un capo compagnia,
Fatto l'havrìa pentì fatto l'havrìa.

Gli fece dir di più che si portava
La su' sferra in trionfo, e no sperasse,
Se col valor non se la riabbuscava,
Ch'in mano sua più quella ritornasse.
Così dicenno il vincitor marciava,
E non mancò chi allor l'accompagnasse,
E lui perchè già l'aria s'imbruniva,
Venir li lassa, e gli dà ognun el viva!

Appena al su' tugurio fu arrivato
PATACCA, che Calfurnia un gran rumore
Sentì d'apprausi e grolie, et acclamato
Dalli vicini MEO pe' vincitore.
Pel gran dolor, (quasi che perzo el fiato),
Glie venne un sbiascimento e un languicore,
Quel, che poi succede doppo svenire,
Nel Canto che verrà, vel saprò dire.

Fine del Quarto Canto.

Questa poesia è stata letta 515 volte