Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Meo Patacca - Canto 12°

Giuseppe Berneri

ARGOMENTO


L'avviso in Roma vie, che Buda è presa
Da' nostri, et in un subbito fu detto,
che co' i Turchi, l'Ebrei l'havean difesa,
Onde fu dato un fiero assalto al Ghetto.
MEO ferma il chiasso, e finge (doppo intesa
La vera nova), a Buda assedio stretto,
E l'acquisto ne fa. Nuccia animosa
Spara terzette, e lui però la sposa.

Già del Sol la lunatica sorella,
Che mò scarza è di luce, e mò n'abbonna,
Più volte in ciel co' la su' faccia bella
S'era fatta vedè, guanciuta e tonna.
Già tutta del zodiaco la stradella
E 'l su' carnale dalla cioma bionna,
Due volte, delle tenebre a dispetto,
Scurza haveva sul Lucido Carretto.

In Roma allor aspettativa granne
C'era d'un'altra et importante nova,
Ogni poco, un avviso se ne spanne,
Diverzo un altro poi se ne rinova;
Sempre fa, sempre reprica domanne
A i novellisti MEO, quanno li trova,
Ch'assai d'havè gli preme, e ci sta all'erta,
Di nova impresa una notizia certa.

Già gli va pe' la gnucca, e già architetta
Un non so che di granne in tel penziero,
Però chalchosa di sentir aspetta,
E di poterzi assicurà del vero.
Ogni volta, ch'arriva una staffetta,
O capitanno va chalche curriero,
Te gli viè addosso subbito la smania
Di sapè, se venuto è da Germania.

La gran faccenna haveva già intrapresa
El vincitor essercito Alemanno,
D'assedià Buda, così ben difesa
Sotto il commando del Bassà Ottomanno.
S'aspettava sentir che fusse presa,
Ma l'avviso s'annava prolonganno,
Ch'a dire il vero, essendo forte assai,
Pe' potella abbuscà, c'eran de' guai.

Quand'ecco a un tratto, un bisbiglià si sente
Tra 'l popolo, un susurro, un'allegria;
Currono più perzone assai contente,
Altre vanno a sapè, che cosa sia.
Si fa un gran parapiglia, e finalmente
Si dice giusto quel, ch'ogn'un vorria,
Ch'appunto allor la nova era arrivata,
Che Buda in man de' nostri era cascata.

Che co' 'na resistenza assai cocciuta
Sino all'estremo, in sopra a la muraglia,
Havevano li Turchi sostenuta
Una sanguinosissima battaglia;
Che s'era alfine la vittoria havuta,
Perche la nostra fu gente de vaglia;
Che con i Turchi ancor furno veduti
Far l'Ebrei, su le mura, i menacciuti.

Sul mezzo dì, pe' la città si sparze
'Sta nova appena, e la sentì la plebbe,
Ch'arrabbiata di collera tutt'arze,
E li Giudii, già lapidà vorrebbe.
Cominzano i regazzi a radunarze,
Marciano verzo il Ghetto, e allora s'hebbe
Pacchetta dall'Ebrei; ma si trovorno
In un attimo pronti, e lo serrorno.

Il Ghetto è un loco al Tevere vicino
Da una parte, e dall'altra a Pescaria;
È un recinto di strade assai meschino,
Ch'è ombroso, e renne ancor malinconia,
Ha quattro gran portoni, e un portoncino;
Il dì s'apre, acciò el trafico ce sia,
Ma dalla sera, inzino a giorno ciaro,
Lo tiè inserrato un sbirro portinaro.

Cominza intanto ad attaccà la buglia
Quantità di sgherretti ciumachelli.
Non ci son forzi tante mosche in Puglia,
Quanti so' sti rabbacchi foioselli.
El negozio, bel bello s'ingarbuglia;
Mettono allor l'Ebrei stanghe e puntelli
Pe' difenner le porte già inserrate
Da spinte e calci, e da saioccolate.

Perchè so' 'sti portoni un fracidume,
C'è gran bisogno di fortificalli,
Ch'al sicuro andarebbero in sfasciume
A tante botte, senza appuntellalli.
Ecco, giovani fatti, al regazzume
S'uniscono, e la gente in osservalli,
Ci ha gusto in tel principio, e par che sia,
E gioco, e spasso, e sfogo d'allegrìa.

Ma poi vedenno che si fa da vero,
E ch'alla disperata si commatte,
Ch'ancor s'incoccia, e che non c'è penziero
Di fa' bastà le sgherrarìa già fatte.
S'accorge che 'st'assalto è troppo fiero,
Che presto li Bacurri pe' le fratte
Potriano annare, e haver non solo un sacco,
Ma quel, ch'è peggio, un sanguinoso acciacco.

Fanno 'sti sgherri un tal menà de mani,
Che chi sta a vede, ancor ci ha 'l su' spavento.
E inferociti come tanti cani
Vorriano divorà quelli di drento;
Sfonnà finestre, e sfragassà mignani,
Sfogo è di rabbia, pe' l'impedimento
Ch'hanno d'entrà, mentre che fan le porte
Puntellate assai ben, riparo forte.

El gran assalto facile riesce,
Che grossi rocci da cercà non s'hanno,
E però, sempre più, la furia cresce
Delle saioccolate, che si dànno;
Poco lontano c'è 'l cotìo del pesce,
E le cirigne quì appoggiate stanno
A' selci, che l'appuntano da' fianchi,
Restano quelli poi su certi banchi.

Se ne servono dunque i sassaioli,
Pe' fa' quanto più pònno de sconquassi,
Ma poi nelle sciamate non son soli,
Ch'altri ci son, ma non addropan sassi.
Fan servir di granate i dindaroli,
Li slanciano, e procurano che passi
Ogn'un di questi le Giudaiche Mura,
Pe' fa' danno ai nemici, o almen paura.

È il dindarolo un coso piccinino
Fatto di greta cotta, e quasi è tonno,
Drento è voto, et in cima ha un bottoncino,
E un piede largo, da sta ritto, in fonno.
C'è un taglio giusto al capitel vicino,
Quanto i spiccianti trapassà ci pònno;
Quì li regazzi i ripostini fanno,
In tempo che le mancie se gli danno.

Se prima a bambocciate eran serviti;
Mò, per altr'uso vengono addropati,
E di polvere tutti so' rempiti:
Co' stracci, i busci poi, son attappati.
Qui, mezzi drento e mezzi fora usciti,
Stanno i stuppini ben accomodati,
Et ecco, in modi ancor non conosciuti,
I dindaroli bombe divenuti.

Prima col foco li stuppini appicciano,
Poi pe' tiralli in alto, ce se sbracciano,
E tanto fanno, e tanto ancor l'impicciano,
Sino, che drento quantità ne cacciano;
Pe' spavento, le carni se gl'aggricciano,
E col sangue le vene se gl'aggiacciano
All'Ebrei, ch'a tal segno si riducono,
Ch'in te le case allor molti s'imbucono.

Alle dindarolesche scoppiature,
Mò fatte in aria, e mò sopra d'un tetto,
Mò in strada, son sì granni le paure,
Che tutto già s'è scompigliato el Ghetto.
Li strilli, l'urli, e le scapigliature
Delle femmine Ebree, li pugni in petto,
I piantusci, i lamenti erano tanti,
Che non si fecer mai fiotti tamanti.

Una diceva: «Ahimè! che mali iorni
Sono questi per noi! che sarà mai?»
Un'altra poi: «Perchè 'sti brutti scorni?
Che far potremo, scuri Sciabadai!
Non c'è per noi pietà pe' 'sti contorni,
Poveri figli! Perna e mordacai!
Presto ce n'annaremo, (O Iaccodimmi
Dateci qualche aiuto!) a i caurimmi».

Certi Rabbini allor, carichi d'anni,
Con le barbe maiuscole da nonni,
Dicono: «Non saran tanti li danni,
Quanti credete voi, signori donni.
Hanno alfin da cessà 'sti gran malanni,
Che tutti i palli, non riescon tonni.
Ancor drento allo Ghetto non si venne,
E 'sta razza di fochi è assai zachenne».

Così un pò de spavento se gli leva,
Pur si sente un confuso mormorìo.
Ma intanto, (oh caso, che nisciun credeva,
E che atterrisce ancor maschio Giudìo!),
Ecco, si mette un dei portoni a leva.
Altr'è questo, che i sassi del cotìo,
S'alza già for de gangani, già crolla,
Già più d'un sgherro, a spignelo s'affolla.

Dice un Rabbì, con voce assai gagliarda,
Quanno par ch'il portone in giù trabballi;
«Su via, presto al soccorzo, e che si tarda?
Tenete forti, et appuntate i spalli,
Non vi fate stimà gente infingarda;
Tosti, a i portoni vè, che se buttalli
Pònno costoro, a fè, ve lo dich'io,
Vivo allor non ce resta uno Judìo».

Ma, o fusse il caso, o l'appuntellatura,
Vengono a ricascà nei loro occhietti
I gangani già usciti, e la paura
Scemò un tantin nei Giudieschi petti;
Non calò già per questo la bravura
E l'ostinanza dei Romaneschetti,
Che più di prima imbestialiti e fieri,
Par che faccin, di guerra, assalti veri.

Intanto un certo taccolo succede
For del Ghetto più brutto, e più non visto.
Et è, ch'a ogni Giudio, ch'annà se vede
Pe' la città, gli danno i sgherri un pisto.
Chalch'un ce n'è, che rimedià se crede
Al pericolo granne, ch'ha previsto,
O col nasconne il fongo, e con voltallo,
O con levagli il taffettano giallo.

Ma non gli giova 'sta rasciammerìa,
Nè per questo, po' il misero salvarzi,
Perchè lui stesso, di sè stesso è spia,
E più si scrope, più che vuò occultarzi.
La faccia tetra, la fisonomia,
L'annar furone, timido il voltarzi
A ogni poco, a ogni passo, e il su' sospetto,
Conoscer fanno, ch'è un di quei del Ghetto.

Scuperto, non sà allor dove si cacci,
Mò penza, mò sta fermo, e mò sgammetta.
Ma l'arrivano certi regazzacci,
Che d'azzollà Giudii, ne fanno incetta.
Pe' fagli dar in terra de' crepacci,
Gli fa chalch'un di loro la cianchetta,
E poi steso che l'ha, tutti d'accordo,
Glie la fanno sentì, se non è sordo.

E spinte, e calci, e pugni, e scappellotti,
E peggio ancor son del Giudio regali.
Lui strilla: «Aiuto! ahimè! non tanti botti,
Basta, non più! troppo mi fate mali!
Cola lo sangue già dai testi rotti,
Sicuro 'sti feriti son mortali!
Pietà, pietà illustrissimi! Almen vivo
Io resti insino ch'allo Ghetto arrivo».

Pe' vedè, si raduna molta gente,
Chi sia costui, perchè così se tratti,
Et a chalch'homo serio lì presente
Assai dispiace di sentì 'sti sciatti.
Prega li sgherri a non glie fa' più gnente,
Potenno già basta li strazii fatti,
Si ferman questi, e mentre più s'ammucchia
El popolo, l'Ebreo s'arrizza, e trucchia».

Fugge un altro, che è pur cencioso e vile.
In t'un palazzo, e dove se nasconni,
Và ricercanno, e vede in tel cortile
Tre o quattro botti ritte senza fonni.
Queste, conforme è l'uso signorile,
Stavano lì, perchè nei dì gioconni
D'altre feste, ch'ogn'un sta ad aspettalle,
Dovevano servì per abbruscialle.

Una n'alza l'Ebreo; sotto se caccia,
Poi la ricala, e drento ce s'accova;
Ne vanno infuriatissimi alla traccia
Li sgherri, e gusto ha ogn'un d'annallo a trova
Data di già gl'havevano la caccia,
E adesso seguitannolo fan prova
D'acchiappallo, pe' poi for del palazzo,
Strascinatolo, farne ogni strapazzo.

Currono drento, e restano de sale,
Perchè ciaschun di loro s'è intontito,
Nè sa, nè pò penzà, dove quel tale
Pozza in un batter d'occi esser fuggito.
C'è chi credenno va che pe' le scale
Di quel palazzo istesso sia salito,
Perchè, per quanto ogn'un po' imaginarzi,
Altro loco non c'è, da ritirarzi.

Ma pe' la su' disgrazia, un regazzino
D'otto o diec'anni, figlio del cucchiero;
Se ne stava affacciato a un finestrino,
E lì fava la zuppa, in tel bicchiero.
Tutto havea visto, e con un raschiettino,
De fa' la spia venutogli el penziero,
Fece voltà li sgherri, e queto queto,
Dove stava el Giudìo, mostrò col deto.

Se n'occorgiono questi, et al più astuto,
Che sia tra lor, vie in testa un bel crapiccio,
A tutti azzenna con un gesto muto,
Che vuò dar al Giudio chalche stropiccio.
Un secchio pieno d'acqua havea veduto
Accanto al pozzo, e te glie da de piccio,
L'alza sopra la botte, e l'acqua tutta,
Voltato il secchio, su l'Ebreo poi butta.

Li strilli di costui son di tal sorte,
E così granni, ch'io ridir nol pozzo.
S'accosta più d'un sgherro, e ghigna forte
In vede quel bagnato paparozzo.
Pare all'Ebreo d'esser vicino a morte,
Come cascato sia drento d'un pozzo;
Quanto sà, quanto pò, si raccommanna,
La vita in grazia, e pe' pietà, domanna.

Colcano i romaneschi allor la botte,
Poi ruzzicà la fanno, e drento resta
Il Giudìo, che gli dànno delle botte
Se gnente fora vuò caccia la testa.
Certo, che n'anderìa coll'ossa rotte
Se durasse per lui sì brutta festa,
Ma fu impedita dai patroni istessi
Di quel palazzo, con commanni espressi.

Parve a 'sti discretissimi signori
Un troppo strazio 'sto ruzzicamento,
Però mandorno giù li servitori
Per liberà l'Ebreo da quel tormento.
Fu da questi aiutato a scappà fori,
E nisciuno d'opporzi hebbe ardimento,
Ma in tel vedello poi così azzuppato,
Dal popolo lo strillo gli fu dato.

Pare un pulcino uscito dalla coccia.
Nel moverzi impicciato, e dove passa,
Mentre il vestito da ogni parte goccia,
Della su' bagnatura il segno lassa.
Ma quel ch'è peggio poi, giocanno a boccia
Stavano certi allor, che lui trapassa,
E mentre uno a strucchià si mette a posta,
Gli dà ne i stinchi una bocciata tosta.

Mezzo sciancato el povero Bacurre
Va inciampicanno, e in tel fuggì s'imbroglia,
L'azzoppatura gl'impedisce il curre,
E meno lo pò fà, più che n'ha voglia.
Innanzi e arreto il popolo gli scurre,
Lui con questo s'impiccia, e alfin si sbroglia.
Al Ghetto se ne va, ma 'l disgraziato
Non pò rentrà non pò, perch'è inserrato.

O adesso sì, che chalched'un l'accacchia,
E lui per questo più si spauricchia,
Lo salva un'osteria, che La Cornacchia
Fà per insegna, ove ogni dì sbevicchia;
Rentra, e dereto al banco s'accovacchia;
E attaccatosi all'oste, si rannicchia;
Ma più d'un sgherro a fargli s'apparecchia
Assai peggio dell'acqua della secchia.

I garzoni dell'oste allor abbracciano
Quelli, ch'a forza, di rentrà procurano,
Li trattengono, e poi fora li cacciano,
E lo scampo al Giudio così assicurano.
Serran la porta, e i sgherri allor s'affacciano
Alla mostra, ma l'osti, ecco la turano
Con le tele, e ciariti così restano
Coloro, che l'Ebreo più non molestano.

De 'ste difese, e de 'ste grazie ostesse
La causa fu, ch'era avventor antico,
E che lì fava gran baldorie, e spesse,
Se al par d'ogn'altro era del taffio amico.
Così più dell'amor fu l'interesse,
In liberallo da sì brutto intrico,
Anzi, che quanno affatto uscì de guai,
Li regalò assai ben lo Sciabbadai.

Ogni poco succedono 'sti casi,
Mò scappà gli riesce, e mò so presi
I meschini fuggenno, e quasi quasi,
Ne restan certi gravemente offesi.
Basta ch'un sgherro da lontano annassi
Ch'è Giudìo, quel che viè, ch'a passi stesi
L'arriva, e poi ne fanno altri sgherrosi
Strapazzi, poco men che sanguinosi.

Al Ghetto MEO fratanto se ne viene
De i garbugli all'avviso, et osservata
Così gran tibaldèa non si contiene
Di farci a prima vista una risata.
Fermo, chalche pochetto, s'intrattiene,
A vedè 'sta piacevole sgherrata,
Che tale gli pareva, anzi l'approva,
Perchè spiritosaggine ce trova.

Ma quanno lui si va accorgenno alfine,
Ch'i sgherri tutti so' infoiati a segno,
Che par voglino fa' delle ruine,
Che non hanno risguardo, nè ritegno;
Che già portano certi le fascine,
Pe' dar foco alle porte, e che l'impegno
È troppo ardito, fra sè stesso penza,
Di raffrenà una tanta impertinenza.

Già prevede quel mal, che pò succedere,
E che questa non è cosa da ridere,
E lassannoli fa', ben si pò credere,
Che quantità d'Ebrei s'habbia da uccidere.
Già sa ch'havranno li scontenti a cedere,
Se per paccheta già li sente stridere,
Che s'a i portoni lassa il foco accendere
El Ghetto allor non si pò più difendere.

Perchè ciò non si faccia, attorno gira,
A chi fa zenno, et a chi parla piano,
A chi forte, chi via pel braccio tira,
A chi leva li rocci dalle mano.
Brava, minaccia, e allor chi si ritira.
Senza fiatà, chi se ne va lontano,
E basti il dir ch'ogn'un l'orgoglio affiacca,
Pe' 'l rispetto, che porta a MEO PATACCA.

Ecco col giorno, viè a finì lo spasso
Dei radunati sgherri, e fu dismesso
L'assedio d'un essercito smargiasso,
Ch'a 'ste porte del Ghetto s'era messo.
Allor l'Ebrei, che l'ultimo sconquasso
Si credevano havè quel giorno stesso,
Vedenno il gran pericolo rimosso,
Si discacciorno ogni timor da dosso.

Così a bastanza il popolo si sfoga,
Et a PATACCA d'ubbidì non nega,
E a quell'autorità, che lui s'arroga,
Perchè per il ben pubrico l'impiega.
Procurò di sapè la Sinagoga.
Già liberata da sì brutta bega,
Chi quello sia, ch'umilia, e mette in fuga
'Sta Gente Sgherra, che con tutti ruga.

Ma senza uscir dal Ghetto in quella sera
Congregati i Bacurri in te li scoli,
Pe' discorrerla un pò, seppero ch'era
PATACCA il capitan de i sassaioli:
Un Giudio lo vedè da una ringhiera,
Dove havevano fatto i capannoli,
E fu quello, ch'a nolito le robbe
Gli dette da guerriero, e lo conobbe.

Fattasi la congrega, si risolze
Mandargli un bel regalo, e chi propose
Un sbruffo di monete, e chi non volze,
Chi penzò a gioie, e chi a diverze cose.
Ma d'ogn'altro Giudio meglio ci colze,
E con giudizio ci su' penzier espose,
Che fu molto a proposito l'Ebreo,
Che haveva visto, e cognosciuto MEO.

A tutti da costui fu suggerito,
Che saria stata cosa conveniente,
Il trovà quel medesimo vestito,
Che pigliò in presto, e fargliene un presente.
Per essere assai bello, e ben guarnito,
E aggiustato al su' dosso, certamente
Che havuto l'haverebbe molto a caro,
Più assai de chalche somma di denaro.

Piace il penziero, e in opera se mese,
E ce s'aggiunze ancora al vestimento
Un spadino galante alla Franzese,
Che havea la guardia et il puntal d'argento.
Un de i primi Rabbì cura se prese
D'annà da MEO pe' fargli el complimento
Con dir, che a lui tutti obbrigati sono
Li Jaccodimmi, e presentagli el dono.

Da 'sto Rabbì restò ben persuasa
La Sinagoga, e l'abbito, in tel vano
D'una canestra fonnarella e spasa,
Messo a cuperto fu da un taffettano.
Và lui da MEO, che s'era già la casa
Fatta insegnà, e 'na donna, da un mignano,
Dice ch'è uscito, e ch'a trovallo vada,
Che sta a parlà con un amico in strada.

Se gl'accosta el Rabbì, ch'un Giudiolo,
Che gli porta el regalo, s'è menato,
Lo sbarretta, e gl'inchina el cucuzzolo,
Gli fa il ringraziamento concertato;
Gli sporge il dono, e MEO lo scrope, e solo
Gli dà una vista, e dice, a lui voltato:
«L'accetto, lo gradisco, e a te lo rendo,
Perch'io dono le grazie, e non le vendo.

Voglio però, commanno, e s'ubbidisca,
Che quanno s'haverà l'avviso certo
Della vittoria, il Ghetto s'ammannisca
A far con noi le feste di concerto;
Nisciun ci sia di voi, che contradisca,
Ma siano tutti pronti, e te l'avverto,
Che se in questo s'ardisce di mancamme,
Oh allora sì, va 'l Ghetto a foco e a fiamme».

El Rabbì si spaventa a 'sta minaccia,
E quasi quasi trema de paura;
Che tutto si farà quel ch'a lui piaccia,
A nome dei compagni l'assicura;
Poi di novo s'arrisica, e si sfaccia,
Lo prega, lo riprega, lo scongiura,
Che accetti el dono, e MEO con albascìa
Fa un gesto di rifiuto, e marcia via.

Tornò al Ghetto costui, tutto ridisse,
Et in particolar l'ordine havuto.
Parze un pò duro, ma, che s'ubbidisce,
Fu dalla Sinagoga risoluto.
Aspettanno si stette, che venisse
Un più sicuro avviso, e alfin venuto,
L'Ebrei de fatto fecero le feste,
Ch'a loro già da MEO furno richieste.

Alle porte vicine a Pescaria
Gnente si fece, perchè dolorosa
È quella strada, e non si goderia,
Benchè ci fusse da vedè chalcosa;
Solo il portone di piazza Giudia
Con un'acconciatura luminosa,
Pe' forza sì, ma però bene ornorno,
Messici i lampadini, attorno attorno.

D'oglio e di cera se ne fa uno struscio,
A zaganelle e razzi si dà spaccio,
Delle botti si vede ancor l'abbruscio,
Che fanno in drento al Ghetto un focaraccio.
Non c'è finestra, non c'è porta o buscio,
Dove non ce se veda Ebreo mostaccio;
Stanno tutti a guardà, scionìti e perzi,
Cose nel Ghetto inzolite a vederzi.

Sul su' cavallo giostrator che vola,
MEO ci dette una scorza, in prescia in prescia;
E appena tempo havè, di darci sola,
In tel passàne, una guardata sbiescia.
Tanto però gli basta, e si consola,
Che 'sta festa a su' modo gli riescia.
Poi via scivola presto, e va a drittura
Dove ha negozio di più gran premura.

D'ordine suo le voci eran già sparze
Pe' Roma, che nisciun deva astenerze
Di rinovà le feste, e ben gli parze,
In quel jusso, che havea, di mantenerze.
Et ecco in giro machine e comparze,
O somiglianti, o almen poco diverze
Dalle già fatte prima, e piacquer forze,
O al paro, o più di quelle a chi ci accorze.

Più facile saria, che si contassero
In drento a un lago i ciuchi lattarini,
Che quanti giusto son, si computassero
L'Autunno, in un tinello, li moschini;
Ch'i peli tutti ancor si numerassero
Nelle barbe di cento levantini,
Ch'il numero raccoglier d'ogni festa,
Ma tutte io lasso, e sol dirò di questa.

For di piazza Navona, ma vicino
A un capo dell'istessa, in un biscanto,
C'è la famosa statua di Pasquino,
Che da per tutto nominata è tanto.
C'è uno spazio più in là, dove ha 'l confino
Della Cuccagna il vicolo, et alquanto
È largo, e attorno ha ricchi bottegari:
Ce fanno piazza li matarazzari.

S'affrontò, ch'in tel mezzo ammontonate,
In quantità di dicidotto, o venti,
C'erano grosse pietre ritrovate
Nel farzi d'una casa i fonnamenti.
Costorno, a forza d'argani tirate
In sopra a terra, assai monete e stenti,
Et ha MEO dalla sorte un gran favore,
Che su quel d'altri si pò far onore.

Su questi sassi el su' penzier lui fonna,
E gli pare haver trova una Cuccagna;
Quì Buda ci figura, e la fà tonna,
E di spenderci assai non si sparagna.
Di travi da per tutto la circonna,
E quantità di tela di Bevagna
Fa stirà intorno a quelli, et ecco finta
La fortezza real di muro cinta.

Compagni di valor mette quì drento,
C'han l'armi alla Turchesca, et i vestiti;
Questi son quasi in numero di cento,
E si mostrano all'opera ammanniti;
C'è poi con certi baffi da spavento,
El Bassà, che commanna, e tutti arditi
Par che stimino facile l'impresa,
Di far una bravissima difesa.

MEO de fora, a cavallo, c'ha in aiuto
Molti sui sgherri, che tenea nascosti,
La fà da commannante potenziuto,
Là te li mena, e te li mette ai posti.
Scurre in più parti, tutto faccennuto,
Sino, che con bell'ordine disposti
Vede sotto le mura assai valenti,
Pronti all'assalto, li su' combattenti.

Si finge de sparà l'artigliarìa,
Ma tal cosa non c'è, son mortaletti,
Che fan sentir guerrifica armonìa
Dal sono accompagnati dei moschetti;
Giusto di cannonesca batterìa
Le botte si figurano, e l'effetti.
Si finge ancora, che razzeschi fochi
Sieno mine, e si fa breccia in più lochi.

C'era chalch'uno, ch'alla tela accosto,
Ma di drento, un cortello haveva in mano,
E pe' non farzi vede, e star nascosto,
S'annava ringriccanno come un nano;
Ma allor quanno più cresce il tiritosto
Del foco, delle botte e del baccano,
Mentre el popolo sta senz'abbadarci,
Taglia el muro de canapa in più squarci.

C'è di sassi un montone, sù ce sale
MEO, ch'all'istante da cavallo smonta,
Lo seguitano i sui con furia tale,
Che parono de razza rodomonta;
El nemico sul muro ecco s'assale,
Una squadra coll'altra ecco s'affronta,
E questo stesso, in altre parti pure
Si fà, dove ci son nove aperture.

A corpo a corpo col Bassà baffuto,
MEO combatte in maniere così strane,
Che pare un odio vero habbiano havuto,
E che in realtà si dian botte da cane;
Fa ogn'un di loro il bravo e 'l menacciuto,
Con vere sciable, e vere dorindane,
Et alla disperata si lavora,
Conforme fanno l'altri sgherri ancora.

Par, che la vita mettino a sbaraglio;
Stanno tutti però con avvertenza
Di menà sol di piatto e no di taglio,
Bastandogli del vero l'apparenza.
Male non se ne fà, se no pe' sbaglio,
Et a chi tocca, bigna havè pacenza;
Pur ch'uno mostri spirito, e bravura,

Benchè ferito sia non se ne cura.

Più d'un tamburro allor, più d'una tromba
Sonà si sente e urtandosi ogni sferra,
Ogni sciabla, uno strepito ribomba,
Che pare giusto, de vedè una guerra.
Chi pe' la breccia scivola, e giù piomba,
Chi come morto, sta disteso in terra,
Chi cede ai colpi, e chi parate ha franche,
E 'sta buglia si fa con armi bianche.

C'è chi a vento, gagliarde moschettate
Giù dalla strada alla fortezza spara,
Con simili altr'e tante archibusciate,
C'è chi di drento gli risponne a gara.
C'è chi rifibbia ancor saioccolate,
E chi le scanza, e chi non le ripara;
Ma consistono queste in torzi, e coccie,
Et in carte aggrugliate, come boccie.

Taccola ancora col Bassa rugante
MEO PATACCA, e non lassa di straccallo,
Te gl'alza in su la gnucca uno spaccante,
E infiacchito colui, non pò parallo.
Te gl'appiatta la sciva in sul turbante M
a par che dia di taglio, e lui sà fallo
Così ben, così presto, che fa crede,
Gl'habbia arrivato al capo, a chi sta a vede.

De fatto, il Turco allora tracollò
Fingenno non potersi regger più,
Sopra la breccia languido restò,
A cianche larghe con la panza in sù.
Ch'era affatto sballato dimostrò,
E seppe MEO, perchè assai lesto fù,
Visto giù steso il perfido Bassà,
Prima d'ogn'altro, in te la piazza entrà.

Più a resistere allor non furno boni
I Turchi senza 'l capo, assai scontenti,
E li sgherri di MEO, come lioni,
Entrorno pe' sbranà li difennenti.
Questi già s'offerivano priggioni,
Mentre si cognoscevano perdenti,
Ma quelli sordi a barbare preghiere,
Tutti accopporno, senza da' quartiere.

De 'st'assalti, e 'st'acciacchi, è ver che finti
Son tutti i casi, e che son giochi, e spassi,
Che sono amichi i vincitori e i vinti,
Che fanno da poltroni anche i smargiassi,
Che vivi quelli son, ch'arreto spinti
Cascano come morti in sopra ai sassi,
E puro allor ch'una fintiva è questa
C'è chalch'un, ch'in realtà ferito resta.

Benchè ogni botta data sia de piatto,
Non fa in tel capo troppo bon effetto,
Perchè, chi mena, mai non fece il patto,
D'esser i colpi a misurà suggetto.
C'è poi, chi in tel cascà male s'è fatto,
Le coste urtanno su le pietre, o 'l petto,
Dà al popolo terror danno verace,
Solo il danno ch'è finto, è quel che piace.

Ma con tutti 'sti chiaiti, oh che baldoria!
Oh che festa si fà da chi è presente!
Pe' principal autor della vittoria
MEO, da per tutto celebrà si sente.
Lui, se ne sta in tel mezzo, e con gran boria,
Ma collera si piglia, e giustamente,
In tel vedè, ch'a un tratto, la canaglia
Si porta via li pezzi di muraglia.

Fava di questa tela capitale,
Havenno disegnato di donalla
A Nuccia, che mostrò bravura tale,
Che lo fece invoglia di regalalla.
Anzi, ch'un certo affetto maritale
Gl'incominzò a venir, e d'accettalla
Pe' sua sposa, allor propio si risolze,
Però del latrocinio assai si dolze.

Stava Nuccia vestita alla zerbina
La gran festa a vedè su 'na loggetta,
Che trovata gli haveva una vicina,
E sverzellava allegra, e sfarzosetta.
Pe' parè giusto poi 'na Paladina,
Se tiè carica, in mano una terzetta,
E un'altra accanto, e quelle son, che MEO,
Già donate gl'haveva in sul Tarpèo.

Si picca di sgherretta, et alli spari,
Ch'alle finestre, o su le porte, o fora,
Fanno a onor di PATACCA i bottegari,
Accoppia lei le sue sparate ancora.
Dello spirito, ch'ha da segni ciari,
Quanto scarica più, più s'avvalora,
Fa vedè, ch'a dispetto della gonna,
Vanta maschio valore in cor di donna.

PATACCA a una tal vista ce s'ingrassa,
Lei se n'accorge, e di sparà non cessa;
Già, d'essere glie pare una gradassa,
Facenno prove da capitaniessa.
Lui scegne, e lì da lei, più volte passa,
Di falla diventa MEA PATACCHESSA
Gli viè la voglia, e in quella poi si fissa,
Nè l'incertezza e il cor fanno più rissa.

Parendogli un'amazzone guerriera,
Vedenno ch'al suo genio s'assomiglia,
Sposalla intenne in quella stessa sera,
E renner al su' affetto la pariglia.
Di sgherri haveva attorno una gran schiera,
Di questi alcuni pochi se ne piglia,
E li mena con lui là dove stava
Nuccia con le terzette, a fa' la brava.

Arriva sotto e raschia, e lei lo sente,
E puntuale a quello corrisponne,
Ma con un raschiettino differente,
E graziosetto, ad uso delle donne.
Dice lui sotto voce, se al presente
Salir potrìa de sopra, e lei risponne,
Che ne domanderà, pe' convenienza,
Ai patroni de casa la licenza.

Abbitavano quì moglie e marito,
Che fecero non solo dei parenti,
A quella festa un general invito,
Ma dell'amiche ancora e conoscenti.
Perchè dunque PATACCA sia servito,
Parla Nuccia all'istessi, e assai contenti
Quelli coll'altri tutti si mostrorno,
Anzi sommo favore lo stimorno.

Come che haveva MEO gran nominanza
Pe' le su' tante grolie, hebbero a caro
Tutti di ritrovarzi a st'incontranza,
E de fa' onore a chi ha valor sì raro.
Perchè trattato fusse con creanza,
Della casa il patron, ch'era merciaro,
Scese col lume, (e Nuccia vien d'appresso)
Giù alla porta, a riceverlo lui stesso.

Quanno s'accorze MEO, che già veniva
Gente a raprirgli, e che salir poteva,
Far volze una cascata assai curriva,
Che il puntiglio d'onor lo mette a leva.
Ordina a un sgherro suo, che lo serviva,
Allor che pe' 'ste feste lui spenneva,
Che crompi de' confetti, e che c'infraschi
Nocchie, pistacchi, e pigli vino a fiaschi.

Rapre il patron la porta, e assai sparate
Non di bocche di foco, ma di carne
Furno intese in tel fa' cerimoniate
Tutti due, quante mai seppero farne.
Così fu MEO con le su' camerate
Introdutto, ma Nuccia pe' mostrarne
La contentezza, c'ha mentre lui sale,
Te lo salamalecca a mezze scale.

De sopra appena arriva MEO, ch'ogn'uno
Perchè stima ne fa, s'arrizza in piede,
Ma lui ch'incommodà non vuò nisciuno,
Fa istanza a tutti, che si torni a sede.
S'assettano le donne, ma ciasch'uno
Dell'homini profidia, e non vuò cede.
PATACCA incoccia, e litiga un pezzetta,
Ma co' i su' sgherri, è ad ubbidì costretto.

A tutti fa un saluto circolare,
Poi con prosopopèa cominza a dire:
«Io ben conosco, e non lo so negare,
Signori miei! che troppo fu il mio ardire.
Certo vi son venuto a disturbare,
Ma spero che m'habbiate a compatire;
Nostrodine lo sà, che fece errore,
Ma causa fù del mancamento Amore.

Di lor altri ad ogn'un serva d'avviso,
Ch'io porto antico, et obrigato affetto
Alla signora Nuccia, e che fu intriso
Sempre il mio cor d'amore, e di rispetto».
(Quì l'occhi abbassa, e si fa roscia in viso
Nuccia con un modesto sogghignetto),
«Ma voglio, che cognosca in questa sera
S'è questa mia benevolenza vera.

Mentre che botte spara, e che sgherreggia
Com'una romanesca Bradamanta,
Da me 'l suo gran valore si vagheggia,
E 'sto mio core stupido s'incanta,
In vede, che com'io quasi guerreggia.
Subbito un bel penziero me se pianta
In tel mezzo alla gnucca, e tra me stesso
Dico: «Mia sposa, io voglio farla adesso».

Perch'habbia effetto mò, quel che penzai,
Vorria quì propio dargliene la fede,
E de 'sta confidenza, che pigliai
Di venir qua, perdon da me si chiede».
Sì presto un tal favor non sperò mai
Nuccia, ch'incontro a MEO PATACCA sede,
Bench'habbia gusto granne de 'sta cosa,
Pure, ce fa un tantin la schizzignosa.

Prima, smorta divien, poi colorita.
Fissa in terra li sguardi, e poi li volta
Inverzo MEO, ma solo alla sfuggita,
E torna ad abbassalli un'altra volta.
Se ne sta savia savia, et intesita,
Vergognosetta alfin, la lingua sciolta
In parole dolcissime, gli dice:
«Più che sposa io sarà Sua servitrice».

Allor di prausi ribombò la stanza,
E si dettero segni d'allegria,
Lodandosi da quella radunanza
Dell'uno e l'altra la galanteria;
Poi della fede la reciprocanza
Dei circostanti ogn'un vedè vorria,
Et ecco, che in un subbito si fece
Tra li due sposi il cinque e cinque a diece.

Già prima biscottini, e ciammellette
Crampo haveva el patron pe' farzi onore,
E appena 'sto bel fatto succedette,
Che lì portà li fece dal fattore:
Erano più bacili, e poco stette
A ritornà lo sgherro spennitore.
Li rinfreschi s'uniscono, e d'accordo
Si dà principio al general bagordo.

S'alza la grolia s'alza, e si sboccona,
E certo, non ne manca del dolciume;
Ce n'è a bizzeffe de 'sta robba bona,
E quì dir si potria: s'affoga Fiume.
Nuccia fa la figura di patrona,
E nisciun propio, senza lei prosume
Di toccà gnente, e al solito ogni cosa,
Prima ch'a ogn'altro, portasi alla sposa.

Ma lei che non si perde in te la folla,
Ch'è giovane sacciuta e pizzutella,
Di provedè le femmine s'accolla
El peso, e dà la parte a questa e a quella.
Così fa MEO coll'homini, e satolla
Ne resta la brigata, e si sbordella,
Ma solo in brinzi e prausi, e perchè brilla
D'allegrezza ogni cor, però si strilla.

Tutti doppo da casa insieme uscirno,
E a spasso in giro pe' le feste annorno,
Molt'altri sgherri poi con MEO s'unirno,
E lui con la sua sposa accompagnorno.
Li «Eh! viva», a piena bocca si sentirno,
E non sol, per un pezzo seguitorno,
Ma pe' le strade sempre più crescerno,
E li dui sposi gran piacer n'haverno.

Vistosi intorno MEO popolo assai,
Si ferma, e dice: «O cari amici miei!
Sappiate, che finor tra me penzai,
Che troppo è quell'onor, ch'io ricevei.
È ver che pe' 'ste feste fatigai,
Ma una minima parte non facèi
Di quello che dovevo, e non so poi,
Perch'io tante onoranze habbi da voi.

Ma sia quel che si vuò, tutti ringrazio
D'un tamanto favor, e v'assicuro,
Che di quanto già feci, io non so' sazio,
Ch'altri acquisti, e vittorie mi figuro.
Allor farò de i Turchi un novo strazio;
Per l'onor mio, per la mia sposa, il giuro.
Quante sconfitte havranno, io già l'aspetto,
Di far tant'altre feste v'imprometto».

O mò sì, che per aria i strilli vanno,
E le grolie di MEO pel tavoliere;
Quelli, ch'inteso el su' parla non hanno,
Che cosa ha ditto cercon di sapere;
Ci han gusto loro pur, mentre lo sanno,
Così han fine le feste, e a più potere
Strilla dei sgherri allor la comitiva:
«Eh viva sempre MEO PATACCA, eh viva!».

Fine del Duodecimo ed ultimo Canto.

Questa poesia è stata letta 1018 volte