Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

E' ritratto de l'utore

Filippo Chiappini

- Di': cconoschi chi ha scritto s'operetta?
- Si lo conosco!?: È un omo topacchiolo ,
Grasso, bborzo, color verde scetrolo;
Pare, a vvedello, er caporal Trippetta .

Cià 'n nasone tajjato co' l'accetta
Che ppò sservì da remo a 'n barcarolo
Si ppia er tabbacco, co' cquer cimarolo
Je sce ne vò 'ggni presa 'na bbuetta .

A ddiscurecce poi è 'n divertimento;
Nun zà ddì antro ch' è vvienuto a cquesto
Monnaccio infame, pe' ssu gran tormento,

Che sta 'ggni sempre male e cche, de rresto,
Quanno che ccreperà sarà ccontento.
- Quanno è accusì, Ddio lo conzoli presto.

12 aprile 1876

Questa poesia è stata letta 1476 volte