Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Er friggitore

Filippo Chiappini

- Se pô ssapé' sse pô, sor gabbolotto ,
Si cche ccaggnara famo a cquer focone?
- Gnente, sor Cencio: l'ho cco' 'sto didone ,
Che vvò' de riffa er pessce, e nun è ccotto.

Sentì'?! Mme disce bbugro de cossciotto ,
Si' ammazzato, lui pare un anetrone!
Poco più sto, jj'appoggio u' sventolone ,
Che jj'abbotto l'occhiacci, che jj'abbotto .

- Sì, bbravo! P'annà 'n gabbia ; ma vva' là;
Bada ar vantaggio tuo; lassa fà' a mme,
Che jje parlo in francese come va.

Musiù ddidon, si vvù vulé aspetté,
Aspetté, che 'l pesscé sta in padellà;
Si nun vulé aspetté, mmorì ammazzé.

1863

Questa poesia è stata letta 1478 volte