Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Er diputato de la bbonificenza

Filippo Chiappini

Stava, te dico, quanno ch'io ciaggnede,
Solo solo a ppijjà la cioccolata,
Dico: «Eccellenza, io nun m'arèggo in piede,
Mi' fia da jjeri nun z'è sdiggiunata»,

Dice: «Dio| Che mmiseria! Avete fede?»
Dico: «Sì, ssémo ggente timorata».
Dice: «Bbravi! Chi è bbôno Iddio provéde,
E la strada pe' vvoi è bbell'e ttrovata».

Dico: «Iddio l'arimeriti, eccellenza».
Dice: «La sera diteve e' rosario,
E Iddio ve mannerà la providenza».

Detto accusì, bbatté ssur tavolino,
Me fece caccià vvia dar zegretario,
E sse mésse a mmaggnà 'n antro grostino.

4 agosto 1875

Questa poesia è stata letta 1214 volte