Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Li piatti der Caster Gandorfo

Filippo Chiappini

Nun zo' ccaluggne, don Andrea, so' ffatti:
'Sto sor Leone, 'sto bbaron cornuto,
S'è ppreso, chiotto chiotto, e ss'è vvennuto
'Na callalessa de cinquanta piatti .

Capite voi? Ma cche sse l'era fatti
Co' li quatrini sui, corpo de Pruto?
Lui ce l'ha ttròvi quanno ch'è vvienuto,
E llui l'aveva da lassalli intatti.

Si vva anvanti accusì 'st'osso sporpato,
Dà de piccio a li quadri, dà de fonno
A ssan Pietro co' ttutto er colonnato.

Ma io governo, direbbe chiaro e ttonno:
Tu llassa stà la robba de lo stato,
E vvennete le cioce de tu' nonno.

18 dicembre 1879.

Questa poesia è stata letta 1453 volte