Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

L'IMBROJI DE LA PADRONA

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

L'imbroji de la moje li so io
che li conosco bene e ce sto drento;
giorni fa, che nun fece un pagamento,
me disse: — Pietro, pe' l'amor de Dio.

quanno viè quela faccia de giudìo
pe' la quistione der pignoramento
di' che la robba de 'st'appartamento
sta tutta in testa der marito mio. —

Quanno venne l'uscere inviperito
je feci, dico: — La padrona mia
ha messo tutto in testa der marito. —

Ma l'uscere, che sa 'ste marachelle,
guardò le corna sopra la scanzìa
e me chiese, ridenno: — Puro quelle?



Questa poesia è stata letta 1179 volte