Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

— Ma perché scappi via?
— disse un Toro a la Vorpe — Indove vai? —
La Vorpe j'arispose: — Nu' lo sai
che ciò de dietro l'aristocrazzia?
Nun sai che 'sta canaja,
ch'ogni tanto se dà l'appuntamento,
me viè appresso, m'acchiappa e poi me taja
la capoccia e la coda?
Guarda che bella moda!
che ber divertimento!
— Ma — fece er Toro —avressi da capilla
che a quelli je diverti perché scappi.
Se nun vôi che 'sta gente
propotente t'acchiappi,
nun te move, nun corre, sta' tranquilla. —
Ner mejo che parlaveno fra loro,
viddero un cavajere in fracche rosso
che invece de sartà 'na staccionata
fece un capolitombolo in un fosso.
La Vorpe disse piano:
— Accidenti! che straccio de cascata!
Dev'esse quarche principe romano!



Questa poesia è stata letta 798 volte