Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

La Lodola e er Fringuello,
ner vede un Pipistrello
più nero de l'inchiostro,
dissero: — Uh Dio che mostro!
Nun pare manco vero
che sia fratello nostro!
È brutto, sbrozzoloso,
cià l'ale come er diavolo...
— Nun me n'importa un cavolo!
— rispose er Pipistrello —
Lo so che so' cattivo,
lo so che nun so' bello:
ma, manco a dillo, vivo
libbero e più tranquillo
de qualunqu'artro ucello.
Io, come le coccotte,
nun sórto che la notte:
fo er solito giretto
verso l'avemmaria,
m'acchiappo quarche grillo,
m'intrufolo ner tetto,
magno, risòrto e via:
ecco la vita mia!
È mejo che nun ciabbia
er canto der Fringuello
che poi finisce in gabbia.
Dite: che ce guadagna
la Lodola minchiona
d'avé la carne bona?
Che l'omo se la magna.
Guardate un po' l'Ucello
de Paradiso? Quello
s'è fatto un certo nome:
ma voi sapete come
finisce malamente
cucito sur cappello!
Dunque co' che coraggio
volete ch'io sia bello?
Li preggi spesso fanno
più danno che vantaggio.
No, no: nun me ne curo...
È mejo a sta' anniscosto!
È mejo a sta' a l'oscuro!



Questa poesia è stata letta 1264 volte