Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Che sscenufreggi, ssciupi, strusci e ssciatti!
Che ssonajjera d’inzeppate a ssecco!
Iggni bbotta, peccrisse, annava ar lecco:
Soffiamio tutt’e ddua come ddu’ gatti.

L’occhi invetriti peggio de li matti:
Sempre pelo co ppelo, e bbecc’a bbecco.
Viè e nun vieni, fà e ppijja, ecco e nnun ecco;
E ddajje, e spiggne, e incarca, e striggni e sbatti

Un po’ ppiú cche ddurava stamio grassi!
Ché ddoppo avé ffinito er giucarello
Restassimo intontiti com’e ssassi.

È un gran gusto er fregà! ma ppe ggoddello
Piú a cciccio, ce voría che ddiventassi
Giartruda tutta sorca, io tutt’uscello.

Morrovalle, 17 settembre 1831

Questa poesia è stata letta 1211 volte