Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Ma cchi ddiavolo, cristo!, l’ha ttentato
Sto Pontescife nostro bbenedetto
D’annàcce a sseguestrà ccor cancelletto
Quella grazzia-de-ddio che Iddio scià ddato!

La sera, armanco, doppo avé ssudato,
S’entrava in zanta pace in d’un buscetto
A bbeve co l’amichi quer goccetto,
E arifiatà lo stommico assetato.

Ne pò ppenzà de ppiú sto Santopadre,
Pòzzi avé bbene li mortacci sui
E cquella santa freggna de su’ madre?

Cqui nun ze fa ppe mmormorà, ffratello:
Perché sse sa cch’er padronaccio è llui:
Ma ccaso lui crepassi, addio

Terni, 2 ottobre 1831

Questa poesia è stata letta 639 volte