Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

È er corpo istesso che sente spinto:
presempio, puro una signora onesta,
quanno piove, che fa? s'arza la vesta
perché se sente spigne da l'istinto.

Percui 'sto movimento o vero o finto
lo famo senza mettece la testa;
fra l'antre cose, io mó t'insegno questa,
e doppo me dirai se t'ho convinto.

Vedi un carro de fieno? Eh! nun se sbaja:
tutti quelli che passeno je tocca
d'annaje accosto e de rubbà una paja.

E dar signore infino ar cerinaro
li trovi tutti co' la paja in bocca...
Embè, ched'è? L'istinto der somaro.



Questa poesia è stata letta 1410 volte