Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

— Sei cambiata, Fifì mia:
— disse un Cane a 'na Cagnola —
prima annavi sempre sola,
mó vai sempre in compagnia.
Da che stai co' la Duchessa
che te porta in carettella.
Fifì mia, nun sei più quella,
te sei troppo compromessa!
Tenghi un cane pe' cantone
che te manca de rispetto:
mó un burdocche, mó un lupetto,
mó un bassotto, mó un barbone...
Prima, invece, eri più bona,
nun ciavevi tanta smagna...
— Eh, lo so! — disse la Cagna —
M'ha guastato la padrona!



Questa poesia è stata letta 3191 volte