Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Una bella Margherita
che fioriva in mezzo a un prato
fu acciaccata da un serpente,
da un serpente avvelenato.
— Se sapessi — disse er fiore —
tutto er male che me fai!
E er dolore che me dai
quanta gente lo risente!
Certamente nu' lo sai!
Ogni donna innammorata,
che vô legge la fortuna,
ner vedemme m'ariccoje
pe' decide da le foje,
che me strappa una per una,
s'è infelice o fortunata:
e vô vede se l'amore
se conserva sempre eguale,
e me chiede se l'amante
je vô bene o je vô male...
Io, pe' falla più felice,
pe' levalla da le pene,
fo der tutto che la foja
che je dice «Me vô bene»
sia quell'urtima che sfoja.
Dove c'è la Margherita
c'è er bon core e la speranza,
c'è la fede, c'è l'amore
ch'è er più bello de la vita... —
Ogni fiore a 'ste parole
rispettoso la guardò,
e perfino er Girasole
piantò er sole e s'inchinò.



Questa poesia è stata letta 1179 volte