Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Un Bacillo affamato,
pe' fa' conosce li malanni sui,
entrò drento la panza a un impiegato
più affamato de lui.
— Qua nun ce so' risorse:
— disse tra sé er Bacillo — è un brutto sito
pe' fa' la propaganda ner partito;
nun ciò core a ammazzallo! ah, no davero! —
E stava p'annà via, quanno s'accorse
che l'impiegato s'innestava un siero
inventato da un celebre dottore
che faceva furore.
— È 'na pietanza un po' pericolosa!
— fece er Bacillo — Forse è un po' imprudente:
ma armeno magneremo quarche cosa;
mejo questo che gnente! —
Doppo tre mesi, er povero impiegato,
pallido, secco secco, allampanato,
seguitanno a sta' male,
pijò 'na bótte e agnede a l'ospedale.
— Nun c'è gnente da fa'! — disse er dottore —
È tardi! Questo more! Nu' la scampa! —
Defatti l'ammalato, manco a dillo,
morì doppo mezz'ora; ma er Bacillo
s'ingrassò come un porco, e ancora campa!



Questa poesia è stata letta 2189 volte