Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Una Purcetta anarchica era entrata
drento ar castello d'un orloggio d'oro:
— Che ber lavoro! Quante belle cose!
E come fanno tutte 'ste rotelle
a annà così d'accordo fra de loro? —
La Rota più lograta j'arispose:
— Noi famo 'sto mestiere solamente
pe' fa' belle le sfere
che ce gireno intorno:
loro nun fanno un corno
e cianno li brillanti, mentre noi,
che faticamo, nun ciavemo gnente.
Voi che séte una bestia de coraggio,
voi che ciavete er sangue ne le vene,
buttateve framezzo a l'ingranaggio,
levatece un momento da 'ste pene... —
La Purce, ner sentisse fa' 'st'eloggio,
disse: — Va bene! Se la vita mia
pô cambià l'annamento de l'orloggio
moro acciaccata! Evviva l'anarchia! —
Ner dije 'ste parole, con un sarto
s'incastrò fra le rote e ce restò.
E fece male assai: ché er giorno appresso
la sfera granne annava addietro un quarto
ma le rote giraveno lo stesso!



Questa poesia è stata letta 874 volte