Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

— Pe' fa' le carte quanto t'ho da dà'?
— Cinque lire. — Ecco qui; bada però
che m'hai da di' la pura verità...
— Nun dubbitate che ve la dirò.

Voi ciavete un amico che ve vô
imbrojà ne l'affari. — Nun pô sta'
perché l'affari adesso nu' li fo.
— Vostra moje v'inganna. — Ma va' là!

So' vedovo dar tempo der cuccù!
— V'arimmojate. — E levete de qui!
Ce so' cascato e nun ce casco più!

— Vedo sur fante un certo nun so che...
Ve so' state arubbate... — Oh questo sì:
le cinque lire che t'ho dato a te.



Questa poesia è stata letta 827 volte