Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

VONNO COJJONATTE E RRUGÀ!

Giuseppe Gioacchino Belli

Jer l’antro ebbe d’annà a li Ggipponari
Pe rrusscí verzo Punta-de-diamante,
A ccrompamme un corpetto da un mercante,
Che, disce Sgorgio, nu li venne cari.

Er padrone era ito a li Ssediari
A ccercà un tajjo de pelle de Dante,
C’era un giovene vecchio, ma ggargante
Da fatte saccheggià li cortellari.

Io je disse de damme sto corpetto;
E cquer faccia de grinze a mmossciarella
Me ne diede uno che nemmanco in Ghetto.

Io bbúttelo pe tterra. Er zor Brighella Se scalla er pisscio: io te l’agguanto in petto.
E ssai come finí? Cco la bbarella.

Terni, 2 ottobre 1831

Questa poesia è stata letta 1422 volte