Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

C'è un vecchio che diventa un giovenotto,
Che se venne la vita a Farfarello,
Che je dà la sorella d'un fratello,
Che lui ce casca innamorato cotto.

'Na festa, se lo porta a beve' un gotto
For de Porta, (c'è sotto er macchiavello!)
Piffe e paffe, se sbatteno ar duello,
E er fratello, se sa, ce va de sotto.

Der rimanente a me me fece spece,
Perchè, qualora lui l'aveva offeso,
Nun doveva fa' mai quello che fece.

Io, ner caso de quelli che cantaveno,
Invece der duello, avressi inteso!
Li cazzotti, percristo, furminaveno.



Questa poesia è stata letta 1194 volte