Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER LOMBETTO.

Cesare Pascarella

Appena che s'accòrse che la gente
Se n'era accòrta, butta la spilletta;
E, come un razzo, pîa giù pe' Ripetta
E daje a fugge' com'un accidente.

La gente appresso. Lui come che gnente
Pîa pe' la Scrofa, va a piazza Fiammetta,
Passa li Coronari, la Vorpetta,
San Tomasso in Parione... Finarmente,

Quanno che stiede lì a l'Agonizzanti,
Agnede pe' svortà'; ma sfasciò un vetro
E cascò, sarv'ognuno, a faccia avanti.

Lì le guardie je córsero de dietro,
L'acchiapporno, je messero li guanti
E lo portorno dritto in domo-pietro.



Questa poesia è stata letta 937 volte