Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA GINNASTICA EDUCATIVA.

Cesare Pascarella

Noi faremo accusì: lei venga puro,
Che lei vedrà si è vero quer ch'ho detto;
Lei venga, studî, appoggi, e stia sicuro
Che diventa un ginnastico perfetto.

Perch'io comincio cór levaje er duro:
Poi j'allargo li muscoli der petto,
E quanno è er tempo che sarà maturo,
Je fo pià' er volo come a un ucelletto.

Ché si lei mi frequenta la ginnastica,
Co' du' mesi di studio e di lezione,
Io lo fo diventà' de gomm'elastica.

Che poi, qualora avesse fantasia
De volesse formà' 'na posizione
Pô fa' pure er pajaccio in Compagnia.



Questa poesia è stata letta 985 volte