Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA SOCIETÀ DE L'ASFITICHI.

Cesare Pascarella

L'asfitichi che so'? So' un gran locale,
Dove si mai quarcuno s'affogasse,
Ce so' lenzola e machinette a gasse
Pe' ridaje lo spirito vitale.

Cusì, senza portallo a l'ospedale,
L'asfitico, si mai nun rifiatasse,
Si porta drento e, senza traccheggiasse,
Si stende come fosse orizzontale.

E lì drento co' du' strofinazioni
Sur filo de la schina, in d'un momento
Je se rifanno batte' li pormoni,

Poi je se ficca drento a le gingive
'Na canna, e a forza de soffiacce drento,
Si nun è morto se rifà rivive'.



Questa poesia è stata letta 1514 volte