Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

La tragedia me piace, e tu lo sai;
Ma le forze che sopra a du' trapesi,
A la Renella ho visto fa' a du' ingresi,
Cremente mio, me piaceno più assai.

Vacce, Cremente, chè si tu ce vai,
Vedrai, so' dieci sòrdi bene spesi!
Se so' visti li mori, li cinesi...
Ma quella roba nun s'è vista mai.

Ché fanno, caro mio, certi dislochi
Cór una precisione e un'esattezza
Che, si ci appizzi, credi, ce riochi.

E poi quer gran piacere de l'artezza,
Indove stanno a lavorà' sti giochi!



Questa poesia è stata letta 1100 volte