Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA MUSICA NOSTRA.

Cesare Pascarella

Ma tu parla co' Nina la mammana,
Che de sta roba se n'intenne a fonno,
Be', che dice? Che l'opera italiana
È la più mejo musica der monno.

E tu che soni appena la campana,
Me venghi a di' che er frocio sia profonno?
Pe' me tu poi cantà' 'na settimana
Tanto nun me rimovo, e te risponno,

Che senza che ce fai tanto rumore,
Er pius urtra più su, caro Marvezzi,
La musica più mejo è er «Trovatore».

Antro che sti motivi verd'e mézzi!
Quela pira... Divampa er mio furore...
Sconto cór sangue mio... Quelli so' pezzi!



Questa poesia è stata letta 1317 volte