Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LI BIJETTI DE VISITA.

Cesare Pascarella

È inutile che canti e ce fatichi,
Tanto sta cosa a me nun me ce sta.
Anzi, si vôi che proprio te lo dichi,
È la micragna che je lo fa fa'.

Ma ricordete tu a li tempi antichi
De ste giornate! Di' la verità,
Si ci avevi parenti stretti, amichi,
Di' un pò', che je mannavi a regalà'?

Je mannavi 'na pizza, un boccioncino,
Du' pollastri, 'na spigola, un cappone,
Che so?, 'na copelletta de Marino...

Mo invece, co' sta moda, a le persone
Che conoschi je manni er bijettino,
E te n'eschi co' 'n pezzo de cartone.



Questa poesia è stata letta 997 volte