Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

L'ALLUSTRASCARPE FILOSOFO.

Cesare Pascarella

So' trentanni che fo sta professione,
E ancora, graziaddio! nun so' mai morto;
So' vecchio, ar camminà' cammino storto,
Eppure, sarv'ognuno, sto benone.

La notte me rintano in d'un portone;
E la matina appresso, quanno sòrto,
Omina bona mea mècume porto
E me rimetto qui su sto cantone.

Si abusco, quer ch'abusco me lo magno;
Si nun abusco, e me succede spesso,
Me fumo quattro mózze e nun me lagno.

Ma si l'incasso supera er valore
De quello che me serve, er giorno appresso
Chiudo bottega e vado a fa' er signore.



Questa poesia è stata letta 1816 volte