Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER CORTELLO.

Cesare Pascarella

Ar mio, sopra la lama ch'è rintorta
C'è stampata 'na lettra cór un fiore;
Me lo diede Ninetta che m'è morta
Quanno che me ce méssi a fa' l'amore.

E quanno la baciai la prima vorta,
Me disse: - Si m'avrai da da' er dolore
De dimme che de me nun te n'importa,
Prima de dillo sfonnemece er core. -

E da quer dì che j'arde el lanternino
Davanti a la crocetta ar camposanto
Lo porto addosso come un abitino.

E si la festa vado a fa' bisboccia,
Si be' che ci abbi tanti amichi accanto,
Er mejo amico mio ce l'ho in saccoccia.



Questa poesia è stata letta 2258 volte