Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Ecco er fatto. Lo prese drent'al letto,
Dove stava in campagna in d'un casino;
Je sigillò la bocca cór cuscino,
E j'ammollò 'na cortellata in petto.

Dunque, ferita all'undici: ce metto
Uno, er giorno; quarantatré, assassino...
Vado giù da Venanzio er botteghino
Ar Popolo e ce butto un pavoletto.

A l'estrazione, sabeto passato,
Ce viè' l'ambo; ma, invece de ferita,
M'esce settantadue: morto ammazzato.

Ma guarda tante vorte er Padreterno
Come dà la fortuna ne la vita!
Si l'ammazzava ce pijavo er terno.



Questa poesia è stata letta 1337 volte