Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER MAESTRO DE NOTO.

Cesare Pascarella

I.

Ma, caro lei, bisogna intenne' questa,
Che er noto è come un'antra professione.
Dunque, si lei nun pîa quarche lezione
È indificile assai che j'entri in testa.

Er fisico ce l'ha che je si presta;
Ma si nun viè' co' me ner capannone,
Si Dio guardi si stacca da un passone,
Sarv'ognuno, c'è er caso che ce resta.

Perché, capisce? nun si po' presume'
Che senza di sapé' le miccherie
Lei noti immezzo ar Tevere di fiume.

Solo, da sé, cusì, nun j'ariesce.
Ma lei si metta ne le mano mie
Che dopo un mese nota come un pesce.

II.

Già, dico, a lei non serve de spiegalla.
La capisce da sé. Lei vadi piano,
Facci' l'istesso movimento umano
Come si camminasse, e lei sta a galla.

Che si ar contrario lei ce s'ariscalla
E dà li carci all'acqua co' le mano,
Si pure vi trovate in d'un pantano
Voi ve n'annate giù come 'na palla.

Dunque, per cui, quanno mi fa er braccetto,
Si sta notata la vo' fa' pulita,

Lei bisogna che nun s'affanni er petto.
Lei vadi naturale. Vadi sciorto...
Basta, che si er Signore ce dà vita
Domatina v'imparerò a fa' er morto.

III.

Dunque, adesso che lei, caro signore,
Ha imparato, ce vo' 'n po' d'esercizio.
Vadi piano, nun vadi a precipizio
E lei diventa un primo notatore.

Capisce? Seguitate con amore
A fa' li vostri studî co' giudizio,
Che quanno ve levate quarche vizio,
Come v'ho detto, sete un professore.

Però nun v'esponete. E, verbigrazia,
Quanno che ve buttate, state attento
Perchè nun ce vo' gnente 'na disgrazia!

Anzi, vede, nun è pe' mette' bocca,
Ma si lei nun vo' avé' quarche spavento,
Lei vadi sempre indove ce se tocca.



Questa poesia è stata letta 1178 volte