Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

L'ASSICURAZZIONE DE LA VITA

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Dice ch'a Roma c'è 'na compagnia
de gente ch'assicureno la vita;
io 'sta frescaccia nu' l'ho mai capita
e dico ch'è 'na gran minchioneria.

Anzi me pare propio un'eresia,
perché quanno ch'è l'ora stabbilita
ch'er Padreterno la vô fa' finita,
che t'assicuri? l'ossa de tu' zia?

È 'na speculazzione immagginata
pe' fa' sòrdi a le spalle de la gente
che ce crede e ciaresta buscarata.

L'ha provato er sor Checco, er mi' parente:
co' tutto che se l'era assicurata
è morto tale e quale d'accidente.



Questa poesia è stata letta 1141 volte