Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

PICCOLO COMMERCIO.

Cesare Pascarella

CATUBA, TROVATOR DE MÒZZE.
CIRIFISCHIO, AVVENTIZIO.

I.

Catuba dice a Cirifischio:
So' finiti li tempi de 'na vorta
Che le portavi via co' la carretta;
Mo co' la moda de la sigheretta,
Hai voja a fa', sta professione è morta.

E poi, tutta la notte fa' sta sòrta
De vita, pe' trovà' che?... 'na saetta!
È vero, sai, ch'io pure ci ho disdetta...

Ma guarda jeri sera a la più corta,
T'abbasta a dì' che quelle che trovai,
Invece de riméttele in commercio,
Pe' nun vedelle più me le fumai.

Sì, ma lo sai qual'è la concrusione?
Già, io co' sta lanterna me ce sguercio;
Sai che succede? Cambio professione.

II.

E Cirifischio je risponne:
Che vòi cambià', fio mio, so' tempi brutti.
In oggi, ormai la vita s'è cambiata.
Giri, cammini, vai, dove te butti
Qualunque professione è rovinata.

Dice: - Fate un mestiere. - Io li fo tutti!
Eppure co' sta vita affortunata
Quann'è la sera a cap' a la giornata,
Er solito! restamo a denti asciutti.

È che si invece noi fossimo antr'òmini...
Già, perché questo, in fonno, ce succede,
Sarv'ognuno, per esse' galantomini.

Sì, ma Dio guardi er tempo s'ingarbuja,
Allora tocca a noi. Nun te fa vede',
Squajàmese che passa la patuja.



Questa poesia è stata letta 1301 volte