Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LE CORONE PE' LI MORTI.

Cesare Pascarella

LA CORONA DE LATTA.

Dieci sòrdi? Ma manco la fattura,
Perché, dico, ma lei mi attasti un fiore
Lei mi guardi la tinta der colore
E tutt'antro, ché qui nun c'è impostura.

Ma, dico, bisogn'esse' 'na cratura...
Lei mi scusi, si sa, parlo cór core,
Perché, capisce?, un'antra più mijore
De questa nu' la trova, stii sicura.

Perché poi, dico, fatevi capace,
Li fiori freschi dopo du' giornate
Ve ce rimane er zeppo e semo pace.

Mentre che qui a ste rose de bandone,
Ce po' pure tirà le cannonate,
Dopo dieci anni ancora so' corone.

LA CORONA DE FIORI FRESCHI.

Nun posso. Creda che nun è stranezza,
Perché, creda, signora, io so' reale.
Io je venno un lavoro d'esattezza,
Nun j'appoggio 'na cosa dozzinale.

Vede, fosse di carta o sia di pezza,
Je la darebbe ar costo tale e quale.
Ma ste rose!... Ma guardi che freschezza!

Cosa dice? Si secca? È naturale!
D'antra parte, lei pure m'insegnate,
Che tutto sto concorso de persone,
Qui, se riduce tutto a ste giornate.

Quanno se so' seccate, Iddio provede!
Ma che j'importa a lei de le corone,
Quanno nun c'è gnisuno che le vede?



Questa poesia è stata letta 1051 volte