Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Tra li quadri ch'er conte tiè attaccati
c'è un arberone indove ce se ponno
vedé come quarmente l'antenati
uno per uno so' venuti ar monno.

Su 'st'arberone qui, da cima a fonno,
ce stanno tutti nomi scritturati:
da la radice ch'ha piantato er nonno
sino a l'urtimi fiji che so' nati.

A me, però, me pare una scemenza
d'avello incorniciato: la radice,
bella che vecchia, ancora sta in crescenza.

Mó er conte pija moje: de qui a un anno
bisognerà ch'allunghi la cornice
pe' li gran rami che je spunteranno!



Questa poesia è stata letta 1271 volte