Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA BANDIERA E LA BANDEROLA

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Una Bandiera bianca rossa e verde
disse a la Banderola: — Abbi pazzienza,
ma co' te nun ce pijo confidenza:
ce se perde er prestiggio, ce se perde!
La bandiera italiana è troppo bella
per annasse a mischià co' 'na girella!
Tu, ch'ogni tanto cambi posizzione,
nun se capisce da che parte guardi:
mó t'arivorti verso Garibbardi,
mó t'arivorti verso er Cuppolone,
mó t'affissi a levante, mó a ponente;
no, questo nun è serio, francamente... —
La Banderola j'arispose: — È vero
ma puro tu, che dai 'sti sentimenti,
te pieghi a li capricci de li venti
ch'ogni tantino cambieno pensiero.
Ch'avressimo da fa'? L'aria che tira
è quella che ce sventola e ce gira...



Questa poesia è stata letta 1370 volte