Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Ner mejo che un Sordato annava in guerra
er Cavallo je disse chiaramente:
— Io nun ce vengo! — e lo buttò per terra
precipitosamente.
— No, nun ce vengo, — disse — e me ribbello
all'omo che t'ha messo l'odio in core
e te commanna de scannà un fratello
in nome der Signore!
Io — dice — so' 'na bestia troppo nobbile
p'associamme a l'infamie che fai tu:
se vôi la guerra vacce in automobbile,
n'ammazzerai de più!



Questa poesia è stata letta 1407 volte