Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Er Pappagallo d'un repubbricano,
ch'era una bestia tanto inteliggente
perché parlava mejo d'un cristiano,
da quattro o cinque giorni stava strano,
s'era abbacchiato e nun diceva gnente.
— Che t'è venuta? la nevrastenia?
— je chiese un Gatto — Hai perso la parola?
Su! Coraggio! Sta' alegro! Tira via!
— Eh! — fece lui — la córpa nun è mia,
è tutta der padrone che ciriòla!
Prima, defatti me diceva spesso
che dovevo strillà: Viva Mazzini!
Evviva la repubbrica!. Ma adesso
se lo dico me mena, e già è successo
ch'ha mannato a chiamà li questurini!
Capisco: l'interessi personali
j'avranno rotto li convincimenti,
j'avranno buggerato l'ideali;
ma lassi armeno in pace l'animali
che so' contrari a certi cambiamenti!
Fra tutte l'antre cose che m'ha imposto,
jeri m'ha detto: — Strilla: Evviva er Re!
— Ah, mó pretenni troppo! — j'ho risposto —
Riparto pe' l'America, piuttosto!
Nun faccio er burattino come te!



Questa poesia è stata letta 1587 volte