Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER REGGISTRATORE DE CASSA

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Parla un commesso
Anticamente, quarche sordarello
su quello che spenneva l'avventore
se poteva rubbà, senza er timore
ch'er padrone scoprisse er macchiavello.

Ma, adesso, addio! Co' 'sto reggistratore,
appena l'apri, sona er campanello
che te segna debbotto tutto quello
che levi e metti drento ar tiratore.

Così che rubbi? Cavoli! Der resto
c'è er gusto che la sera torni a casa
convinto d'esse stato un omo onesto:

e nun t'accorghi ch'er galantomismo
dipenne da la machina e se basa
tutto su le virtù der meccanismo.



Questa poesia è stata letta 1159 volte