Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

COSE DER MONNO.

Cesare Pascarella

I.

Me pare jeri. Stavo ner casotto,
Quanto sento strillà'... Ched'è? m'affaccio,
Sangue de Cristo! Bum... te sento un botto
E me vedo cecà' dar carcinaccio.

«Ajuto... Moro... Ajuto...» S'era rotto
Er ponte de la casa e un poveraccio
Che stava sopra a riggiustà' un condotto,
Era cascato giù come 'no straccio.

Fu caricato sopra 'no straporto,
L'avessi visto! tutto sfragellato!...
'Rivamo a l'ospedale ch'era morto.

Lì a l'ospedale, drento a la saletta
De l'ambulanza, assieme ar delegato
Je cercassimo drent'a la giacchetta.

II.

Dopo s'agnede a piazza de la Boccia
Da la moje e dar fijo piccinino,
Che aspettaveno lui sur portoncino
Per annà' for de porta a fà' bisboccia!

Urli, pianti... Che fu! Basta, er capoccia
De la fabbrica e io co' un questurino
Je lassassimo sopra a un tavolino
Quello che je trovassimo in saccoccia:

'Na pippa rotta, un metro, un fazzoletto,
Du' bijetti der Monte, du' cartate
De mózze e tre giocate ar numeretto.

Anzi, ner venì' via co' l'antra gente,
Lì, pe' scrupolo, furno rigiocate;
Ma, me ricordo, nun ce venne gnente.

III.

Ma intanto, guarda si cos'è la vita!
Lei pareva morisse de dolore;
S'era ridotta un osso; era spedita...
E si la vedi mo, te pare un fiore.

E jeri venne qui tutta vestita
De festa, e dice: - A voi, sor Sarvatore,
Ve porto sti confetti. - Se marita?
- Sposa domani un antro muratore.

Te capacita? Dopo tante doje...
E poi, no pe' di' male, Dio ne guardi!
Ma ar morto, lei, lo sai?, nun j'era moje.

- Nun j'era moje? E er fio? - Casa Projetti

- Ma come? L'hanno messo a li bastardi?
- Cose der monno! - Damme du' confetti.



Questa poesia è stata letta 2841 volte