Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER MORTO DE CAMPAGNA.

Cesare Pascarella

A DONNA ENRICHETTA CARAFA DUCHESSA DI ANDRIA.

«CAP. I. Nell'anno del Signore 1538, alcuni devoti Christiani vedendo che molti poveri, li quali o per la loro povertà overo per la lontananza del luogo, dove morivano, il più delle volte non erano sepolti in luogo sacro, overo restavano senza sepoltura, e forse cibi di animali, mossi da zelo di carità e pietà, instituirno in Roma una Compagnia sotto il titolo della Morte, la quale per particolare instituto facesse quest'opera di misericordia tanto pia, e tanto grata alla Divina Maestà di seppellire li poveri Morti».
«Statuti della Ven. Archiconfraternita della Morte et Oratione prima approvati, e confermati l'Anno 1590».

I.

C'erimo io, Peppetto de li Monti,
Checco Cacca, Gigetto Canipella...
Chi antro c'era?... L'oste a via Rasella,
Stefeno er tornitore a Tor de Conti,

E, me pare, er droghiere a li du' Ponti,
Cencio la Quaja, Zio de la Renella,
Er Teoligo, Peppe... e la barella.
All'uno e un quarto stamio tutti pronti.

Prima d'uscì', mannassimo Nunziata
A giocacce dar Sórdo un ambo sciorto;
Cinque mortorio e trenta la giornata.

Poi sentissimo bene da Gregorio,
Er mannataro, dove stava er morto,
E uscissimo a le due dall'Oratorio.

II.

Quanno stamo un ber po' for de le mura,
Dice: - Passamo pe' la scortatora.
- Ah, Nino, dico, si nun è sicura
Bada che nun uscimo più de fora.

- Ma, dice, annamo, nun avé' pavura:
Ce venni a caccia pe' la Cannelora. -
E annamo. Peppe mio, che fregatura!
Stassimo pe' la macchia un frego d'ora.

Sotto a le Capannelle de Marino
Trovassimo 'na fila de carretti,
Che veniveno a Roma a portà er vino;

E a forza de strillaje li svejassimo,
Che dormiveno tutti, poveretti;
E lì a lo scuro je lo domannassimo.

III.

- Avete visto gnente un ammazzato?
Dice: - Vortate giù pe' ste spallette,
Annate a dritta, traversate er prato,
Quanno sete 'rivati a le Casette
Domannatelo a l'oste der Curato,

Che ve l'insegna. - Quanto ce se mette?
Dice: - Si annate a passo scellerato,
Ce metterete sempre un par d'orette. -
Ritornassimo addietro viciversa,
Fijo de Cristo! co' le cianche rotte.

Quanno stassimo sotto a la Traversa
Lì, li carretti ce se slontanorno,
E noi daje a girà' tutta la notte
Finché a la fine ce se fece giorno.

IV.

Che giornata, Madonna! Nera, nera,
Che pareva dipinta cór carbone,
Che proprio nun te fo esagerazione
Era mattina e ce pareva sera.

Se mettessimo sotto a 'na macèra
Morti de fame pe' magnà' un boccone.
Venne un'acqua!... Ce prese 'no sgrullone
Che nun vedemio più celo nè tera.

Spiobbe. Se rimettessimo in cammino;
Ma indovinece un po'? Riannamo a sbatte'
Sotto a le Capannelle de Marino.

Ma basta, er fatto sta, tanto cercassimo
Immezzo a li canneti, pe' le fratte,
Pe' li fossi, che arfine lo trovassimo.

V.

Stava infrociato là a panza per aria,
Vicino a un fosso, accanto a 'na grottaccia,
Impatassato drento a la mollaccia...
C'era 'na puzza ch'appestava l'aria.

Le cornacchie e li farchi da per aria
Veniveno a beccájese la faccia,
E der pezzo de sopra de le braccia
C'era rimasto l'osso. Che barbaria!

E ne l'arzallo pe' portallo via,
Je trovassimo sotto un istrumento
Lungo cusì, che mo sta in Pulizia.

Poi don Ignazio disse le preghiere;
E tornassimo co' le torcie a vento,
Pe' la macchia, cantanno er Miserere.



Questa poesia è stata letta 1193 volte