Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA SERENATA.

Cesare Pascarella

I.

Fu l'antra notte. Stavo p'annà' a letto
Quanno, ched'è?, te sento 'na bussata.
Chi è?... Me fa: - Viè' giù, ché so' Ninetto,
Sbrighete, ch'ho da fatte un'imbasciata. -
Scegno,... j'apro... me fa, dice: - Righetto!

Avemo d'annà' a fà 'na serenata.
Nasce da qui fin qui - Si' benedetto;
Ma, dico, a st'ora qui? Co' sta nottata?

Dice: - Er restante de la compagnia
Ce sta a aspettacce avanti a l'orzarolo,
Ar vicolo der Pino... tira via! -

Zompo su a casa, stacco er mandolino,
Pîo er cortello, la pippa, er farajolo,
E annamo, assieme, ar vicolo der Pino.

II.

Ar vicolo der Pino, sur cantone,
Trovamo Peppe Cianca cor fischietto,
Sciabighella che armava er calascione,
E Schizzo che portava l'orghenetto.

Dar cichettaro, lì, sott'ar lampione,
Prima se sciroppassimo er cichetto,
E dopo, annamo dritti p'er Biscione,
Piazza San Carlo, traversamo Ghetto...

Sotto er Moro sentimo le campane
De San Francesco batte' er matutino.
Pioviccicava. Nun passava un cane.

Paremio 'na patuja de sordati.
Arfine, ar vicoletto der Rampino,
Nino se ferma - È qui? - Semo 'rivati.

III.

Lì proprio dove c'è la Madonnella,
Che la notte j'accenneno er lumino,
Io, Peppe Cianca, Schizzo e Sciabighella
Se mettessimo drento a un portoncino.

Lui tirò un bacio su a 'na finestrella,
E incominciò a cantà': - «Fiore de spino
Più furgida tu sei più d'una stella,
Più candida tu sei d'un ginsurmino».

Nun aveva finito er ritornello,
Quanno sentimo un fischio in fonno ar vicolo.
Sangue de Dio! Qui nasce 'no sfragello!

Sortimo fora e je se famo accosto;

Ma Ninetto ce fa: - Nun c'è pericolo,
Fermi, ragazzi!... Be' che famo? Ar posto!

IV.

Intanto fra la nebbia, solo solo,
Veniva avanti un omo incappottato,
Nino se pianta sotto ar lumicciolo,
E, ridenno, je fa: - Ben'arrivato!

L'antro zitto. Se leva er farajolo,
L'intorcina e lo butta sur serciato;
Dopo, striscianno sotto ar muricciolo,
Je va addosso, e l'agguanta, qui, ar costato.

Quanto se vedde luccicà' un cortello,
Strillò: - Madonna mia,... mamma,... Ninetta... -
Zittete, ché me pare de vedello!

Fece du' passi, s'acchiappò a 'na stanga
De 'na ferrata sotto a 'na scaletta,
E cascò morto giù drent'a la fanga.

V.

Hai visto Schizzo!... Frulla l'orghenetto,
Zompa sur morto cór cortello in mano,
Se mette a fugge' giù p'er vicoletto,
E vedemo sparillo da lontano.

Noi j'annamo vicino, poveretto!
L'arzamo su, de peso, dar pantano
De sangue che j'usciva qui dar petto;

Ancora rifiatava! Piano piano
Riaperse l'occhi e, co' la bocca storta,
Ce fa: - Bussate un tòcco a quer portone,
Ché vojo rivedella un'antra vorta...

E mentre stava a dà' l'urtimo tratto,
Sentimo Schizzo urlà' giù dar cantone:
- Squajateve, regazzi, ché l'ho fatto!



Questa poesia è stata letta 2308 volte