Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Una vecchia Tartaruga,
che passava la giornata
tra le foje de lattuga,
se ne stava in un cantone
recitanno 'st'orazzione:
— Benedetto chi m'ha fatta
'sta casetta così dura
dove, armeno, so' sicura
ch'er padrone nun me sfratta;
io nun vedo più lontano
de la casa che stracino;
dormo sempre e se cammino
vado piano piano piano...
So' prudente, e quanno passa
l'automobbile assassino
che sfraggella e che sfracassa,
tiro drento la capoccia,
m'annisconno ne la coccia,
me rannicchio e sto così... —
E la vecchia Tartaruga,
ciancicanno la lattuga,
chiuse l'occhi e s'addormì.



Questa poesia è stata letta 1644 volte